Treviso

Ricerca Confartigianato su intelligenza artificiale: un lavoratore su tre nella Marca è ad alto rischio occupazione causa automazione

I robot e l’intelligenza artificiale (AI) entrano in azienda ed espellono la manodopera. Secondo una ricerca di Confartigianato, sono 91.920 gli addetti ad alto rischio occupazione a causa dell’automazione nella Marca Trevigiana, pari al 30,1% del totale degli occupati.
Di questi 56.593 sono impiegati in micro e piccole imprese fino a 49 dipendenti (61,6%) e 22.866 nell’artigianato (24,9%).

Riferito all’artigianato, in totale sono a rischio automazione 59.820 addetti.
Di questi, 36.056 sono a medio rischio pari al 60,3% degli occupati del settore nella Marca Trevigiana, 22.866 sono ad alto rischio (38,2%) e solo 897 a basso rischio (1,5%).
Questi dati collocano la provincia di Treviso al 26° posto in Italia per alto rischio automazione nell’artigianato e al 3° posto in Veneto.
Da evidenziare come in ogni ambito all’aumentare dell’esposizione al rischio automazione delle imprese cresce il numero medio di lavoratori coinvolti (nell’artigianato nelle imprese a basso rischio si contano 2,4 addetti, in quelle a medio 2,6 addetti mentre in quelle ad alto rischio oltre 4 addetti).

«Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare», commenta Oscar Bernardi, presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, «l’artigianato trevigiano è comunque più resistente al rischio automazione. Una tendenza che conferma i dati nazionali, che collocano il settore tra quelli in prospettiva meno toccati dall’intelligenza artificiale».

Lo confermano i dati della ricerca di Confartigianato. Se si considerano, infatti, i dati complessivi delle imprese nella Marca Trevigiana, la provincia sale al 22° posto nazionale per addetti ad alto rischio: sono 91.920, pari al 30,1% sul totale. Gli addetti a medio rischio sono 168.021, pari al 55% del totale provinciale, e 45.574 gli addetti a basso rischio (14,9%).
Anche in questa classifica Treviso è al terzo posto in Veneto per rischio maggiore.

«La ricerca ha fatto anche emergere gli ambiti», sottolinea il presidente Oscar Bernardi, «dove maggior sarà l’impatto dell’intelligenza artificiale. Si va dalle funzioni di controllo all’analisi di bilancio, dalla gestione del credito e della finanza d’impresa a quella legale e contrattuale.
Senza contare la gestione dei processi di vendita, l’organizzazione e la gestione dei fattori produttivi, come anche la formazione on the job, la gestione dei rapporti con il mercato, il trasferimento e il trattamento delle informazioni aziendali e le informazioni e l’assistenza dei clienti.»

A pesare sui dati provinciale sono soprattutto le micro e piccole imprese fino a 49 dipendenti, dove la Marca Trevigiana si assesta al 17° posto, terza in Veneto.
Ad alto rischio occupazione nelle MPI sono 56.583 addetti, pari al 28,2% del totale degli addetti delle imprese. Quelli a medio rischio sono 109.393 addetti (54,5% del totale), mentre gli addetti a basso rischio sono 34.775 (17,3%).

Articoli correlati

Back to top button