Uncategorized

Presentato a Treviso il piano della nuova autostazione MOM

Questa mattina è stato presentato il Piano Guida della Nuova Autostazione Mom che sorgerà nell’area dell’ex Cuor, al confine di Piazzale Duca d’Aosta tra via Luigi Pinelli e vicolo Gaspare Gozzi.
Oltre alle nuove pensiline dedicate alle fermate degli autobus e delle linee interurbane e dei servizi connessi, fanno parte del progetto gli ambiti funzionali collegati alla Stazione Ferroviaria per la creazione di un polo intermodale, unitamente agli spazi esterni.

La collocazione in prossimità della stazione ferroviaria, per la quale a giugno partiranno i lavori di riqualificazione, consentirà infatti di agevolare la fruizione dei servizi di trasporto pubblico da parte degli utenti.

Ogni anno, infatti, circa 4,9 di passeggeri frequentano la stazione FS con un’affluenza di 9.800 persone: nella nuova autostazione, a fronte della presenza di 240 veicoli destinati al traffico interurbano, potranno transitare una media di circa 6.000 persone al giorno.
Presenze che potranno integrarsi in uno spazio unitario e utile a un’utenza costituita da pendolari, studenti universitari, lavoratori e turisti, che potranno così sfruttare l’ampia offerta del trasporto pubblico per muoversi attraverso la città e godere dei suoi servizi e dell’offerta culturale, facendo di questo nuovo polo di mobilità un elemento caratteristico del contesto urbano.

Strategica, in questo senso, è la posizione dell’area “ex Cuor”, caratterizzata da una superficie edificata di circa 3.685 metri quadrati in prossimità della stazione ferroviaria e del cavalcavia della strada statale 13.
Quest’ultimo verrà ripensato come un tratto distintivo, diventando il portale di ingresso alla nuova stazione dei mezzi MOM e simbolo di accesso alla città.

La nuova collocazione dell’autostazione permetterà inoltre la valorizzazione di alcuni elementi come le mura cittadine, il bastione prospiciente Porta Altinia, il tratto di fiume Sile che costeggia la parte meridionale della città e le aree verdi in prossimità di Piazzale Duca d’Aosta.

Il Piano guida prevede di realizzare 15 stalli di sosta per autobus dei servizi interurbani, in grado di soddisfare le esigenze in termini di smaltimento del flusso di corse nelle ore di punta.

L’accesso all’autostazione da piazzale Duca d’Aosta sarà evidenziato dai quattro gate per le entrate dei mezzi sotto il cavalcaferrovia e vedrà una particolare attenzione per la circolazione ciclopedonale.
Le pensiline di attesa, realizzate in struttura metallica, saranno caratterizzate dalla presenza di una copertura verde, sviluppata con l’obbiettivo di ridurre l’effetto isola di calore, aumentare la superficie permeabile, favorire il ripopolamento della flora e fauna urbane e mitigare l’impatto visivo dell’intervento dal cavalcavia.

In uscita dall’autostazione, i mezzi del servizio pubblico si inseriranno nella circolazione urbana ricongiungendosi con il PUT attraverso via Pinelli: il passaggio dei mezzi sarà schermato grazie ad un filtro verde posizionato tra la nuova autostazione e la zona residenziale, che verrà servita da una strada a senso unico per la circolazione di quartiere con parcheggi dedicati.

La nuova stazione MOM interagirà con la nuova Bike Station e la Ciclopolitana di Treviso.

La ciclabilità sul cavalcavia verrà incrementata attraverso l’allargamento della corsia riservata al fine di permettere un collegamento con l’altro lato della città.
Lungo il lato sud della Stazione è prevista la realizzazione della connessione tra la ciclabile direzione ospedale e la stazione ferroviaria.
Inoltre, una campata del cavalcavia potrà essere convertita in un parcheggio biciclette esclusivo e protetto, garantendo un ricovero ottimale sia per la nuova autostazione che per la stazione ferroviaria.

La realizzazione dell’infrastruttura comporterà un investimento di MOM stimato in 3,5 milioni di Euro (al netto degli ulteriori costi per le acquisizioni immobiliari) cui si aggiungerà anche il restyling dell’edificio biglietteria oltre a 1,5 milioni per il recupero del cavalcavia.

Il costo stimato per l’adeguamento del cavalcavia è di circa 1 milione di Euro a carico del Comune o attraverso un partenariato pubblico-privato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button