Pordenone

Prende l’anziano padre a bastonate e finisce dietro le sbarre

Ha preso l’anziano padre a bastonate e per questo ora è in carcere a Udine.

Protagonista della triste vicenda, un 52enne pordenonese: M.T. le sue iniziali, che forse non si aspettava che il papà 84enne trovasse la forza di chiedere aiuto.
L’anziano invece ha chiamato il 113 ed è stato soccorso prima che le bastonate del figlio potessero avere conseguenze irreparabili.

Tutto è accaduto nel pomeriggio di lunedì 25 maggio, quando alla Polizia è arrivata la richiesta d’aiuto dell’uomo che accusava il figlio di bastonarlo.
Accuse fondate, si direbbe, vedendo i segni lasciati sul braccio sinistro che l’anziano aveva usato per cercare di difendersi dall’aggressione del figlio.

Colpi per i quali l’84enne ha dovuto far ricorso alle cure dei sanitari.
Contusioni ed ecchimosi che l’hanno poi convinto a sporgere denuncia nei confronti del figlio convivente.
Il primo provvedimento dell’Autorità Giudiziaria è stato poi l’allontanamento del violento che però ha continuato a minacciare il padre e a fargli visita.

Tanto che gli agenti ieri lo hanno bloccato proprio nei paraggi dell’abitazione del genitore.
Il 52enne è stato dunque accusato di “maltrattamenti in famiglia e lesioni personali pluriaggravate” e raggiunto ieri sera da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal Gip Giorgio Cozzarini, su richiesta del Pm Federico Baldo.

Purtroppo, come spesso accade, l’episodio in questione è stato solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
L’anziano ha infatti raccontato agli inquirenti maltrattamenti e violenze protrattesi per oltre 6 anni, caratterizzate non solo da schiaffi, pugni e colpi di bastone, ma anche da violenze psicologiche.
Sperando che prima o poi il figliolo si sarebbe calmato, l’84enne aveva sempre sopportato e tirato avanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button