Veneto

Pregiudicato dimentica di avvisare la Finanza dei suoi nuovi introiti: sequestrati 75 mila euro

I Finanzieri del Comando Provinciale di Verona stanno procedendo in queste ore al sequestro di somme di denaro per un valore di oltre 75 mila euro, nei riguardi di un pregiudicato residente in provincia dal 2015.

In particolare, viene eseguito un decreto di sequestro preventivo di 75.855 euro emesso dal Gip del Tribunale i Verona, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un 36 enne albanese, già condannato in via definitiva a sette anni di reclusione per sfruttamento della prostituzione e riduzione in schiavitù.

L’uomo è finito nuovamente nei guai per un aspetto fiscale che ha sottovalutato: non aveva provveduto a comunicare, come imposto dalla legge, le variazioni patrimoniali che lo avevano interessato nel decennio successivo alla condanna.

Nel corso delle minuziose indagini finanziarie svolte, le Fiamme Gialle veronesi hanno rilevato, tra l’altro, che lo stesso nel 2017 e nel 2018 aveva percepito redditi per oltre 25 mila euro e aveva movimentato su propri conti correnti e su carte prepagate somme di denaro annue per circa 40 mila euro, senza fare le prescritte segnalazioni alla Guardia di Finanza.

L’attuale normativa impone, infatti, alle persone condannate con sentenza definitiva, per reati di particolare gravità, l’obbligo di comunicare al Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria del luogo di dimora abituale, per dieci anni ed entro trenta giorni dal fatto, tutte le variazioni nella entità e nella composizione del patrimonio, concernenti elementi di valore non inferiore a 10.329,14 euro. Allo stesso modo, entro il 31 gennaio di ciascun anno, gli stessi soggetti sono altresì tenuti a comunicare le variazioni intervenute nell’anno precedente, quando concernono complessivamente elementi di valore non inferiore ad euro 10.329,14.

Le menzionate disposizioni normative hanno la finalità di introdurre un sistema di controllo del patrimonio delle persone condannate/prevenute in via definitiva per la durata di un decennio, al fine di accertare e fare emergere eventuali attività economiche agli stessi, riconducibili, consentendo in tal modo di seguire lo sviluppo delle medesime attività e di individuare le persone che con costoro intrattengono rapporti di natura economica.

La mancata osservanza di tale obbligo di comunicazione è sanzionata penalmente con la reclusione da due a sei anni e la multa da 10.329 a 20.658 euro, nonché con la confisca dei beni ovvero di somme di denaro per un valore equivalente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button