Treviso

Possagno/Colpi di fucile di notte: la Polizia Provinciale ferma 2 cacciatori

Continuano le operazioni di contrasto al bracconaggio della Polizia Provinciale: nelle ultime settimane, in un’area boschiva di Possagno, gli agenti hanno fermato durante la notte due cacciatori della zona di Fonte attrezzati per svolgere l’attività venatoria illegalmente.
Nei giorni scorsi, i dettagli dell’intervento sono stati condivisi con il presidente della Provincia di Treviso, Stefano Marcon, e il segretario generale della Provincia, Maria Teresa Miori.

La Polizia conosceva con precisione il luogo dell’appostamento, perché da tempo aveva ricevuto alcune segnalazioni di colpi d’arma da fuoco uditi nelle ore notturne: per questo, dopo un’attenta osservazione della zona, ha individuato i punti di transito della fauna selvatica, che portavano a un sito di pasturazione utilizzato solitamente dai cacciatori per rallentare il passaggio degli animali alla ricerca di cibo.

Nel corso dell’operazione, gli agenti sono riusciti a identificare i due bracconieri che, dall’interno di un’auto, controllavano il bosco illuminandolo con una torcia, per cercare la selvaggina.
Una volta fermati, durante il controllo, è stata trovata una carabina munita di visore notturno, carica e pronta all’uso, detenuta da uno dei due cacciatori.

L’arma e gli altri accessori rinvenuti sono stati sequestrati e i due uomini sono stati denunciati per caccia in periodo di divieto generale e mezzi non consentiti alla Procura della Repubblica di Treviso.
L’intervento di Possagno si annovera nel vasto piano di attività della Polizia Provinciale rivolto al contrasto del bracconaggio nel territorio della Marca, in continuità con le operazioni condotte a inizio anno nelle Prealpi Trevigiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button