Home -> Venezia -> Portogruaro/Tutti negativi i compagni d’asilo del bambino di due anni positivo: la scuola dell’infanzia è ok
foto: archivio

Portogruaro/Tutti negativi i compagni d’asilo del bambino di due anni positivo: la scuola dell’infanzia è ok

Non solo scuola: nella conferenza stampa di stamani della Ulss4 si è fatto anche un punto sulla più stretta attualità.
Dal dottor Lorenzo Bulegato della Ulss4 Veneto orientale, precisazioni su alcuni casi riportati dalla stampa in tema di Covid e altri temi di attualità sanitaria.

Bambino di 2 anni di Portogruaro positivo al Covid19.
Tra venerdì e sabato personale del dipartimento di prevenzione ha effettuato il tampone a 18 bambini e a 2 insegnanti della stessa scuola dell’infanzia, oltre che a 21 genitori.
Gli esiti hanno confermato la negatività di tutti tranne che per un genitore posto subito in isolamento; l’indagine epidemiologica effettuata dal personale dell’Ulss 4 ha inoltre stabilito che questo contagio non è riconducibile alla scuola dell’infanzia.
Il bambino di 2 anni, attualmente in isolamento al domicilio, rientrerà a scuola dopo aver effettuato i due tamponi che accerteranno la negatività al virus.

Turisti sottoposti a screening al rientro da Spagna, Croazia, Malta, Grecia e Sardegna.
Dal 15 agosto a ieri (13 settembre) sono stati 1696 i turisti sottoposti a tampone nei tre ambulatori allestiti a San Donà di Piave, Portogruaro e Jesolo; di questi, 7 rientrati da Croazia e Sardegna risultati positivi e posti in isolamento domiciliare fiduciario.

Contagi nel territorio dell’Ulss4.
Dopo i 100 contagi rilevati nel periodo 20 agosto – 5 settembre, il trend è in diminuzione.
Sono infatti 17 le persone risultate positive al tampone nel periodo compreso tra il 6 e l’11 settembre.
Questi i comuni interessati ai nuovi casi: San Michele al Tagliamento 3; Fossalta di Piave 3; Musile di Piave 2; Portogruaro 1; San Donà di Piave 2; Annone Veneto 3; Caorle 2; Meolo 1.
Si raccomanda comunque il rispetto delle misure volte al contenimento della diffusione del virus: il mantenimento della distanza sociale, l’uso delle mascherine, l’igiene delle mani.
E nel caso della comparsa di sintomi contattare il proprio medico di famiglia.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*