Venezia

Portogruaro/Le proposte del Pd locale per ripartire

Il Pd di Portogruaro si esprime sulla fase 2 dell’emergenza sanitaria in città ed esce con un manifesto di proposte per il rilancio economico, proposte che il gruppo consiliare ha già portato anche in sede di commissione consiliare all’amministrazione.

In una nota diffusa oggi, si legge: “Per il Comune di Portogruaro servono nuove idee. Il tempo del “non ascolto”, dei ritardi, della mancanza di progetti non può continuare. È necessario un forte cambiamento.
La città, per la sua configurazione e la sua bellezza, può diventare un luogo per sperimentare una nuova ripartenza, un nuovo modo di vivere la comunità.
Sicuramente va ripensato completamente il modo di utilizzare le risorse pubbliche e di scegliere gli investimenti”.

“Inoltre, la legislatura dell’amministrazione Senatore è finita, per onestà intellettuale, qualsiasi decisione dovrebbe essere deliberata con le commissioni e il consiglio: la giunta propone e le commissioni decidono, lavorando insieme fino alle elezioni.
Nell’anno delle elezioni le precedenti amministrazioni non facevano scelte di investimenti o politiche che andassero ad incidere sull’amministrazione successiva.
Pertanto facciamo delle proposte che vadano ad amministrare la città nella seconda fase dell’epidemia, che non ha consentito di andare al voto.
Crediamo che vadano valorizzate la trasparenza e il ruolo deliberativo del consiglio, altrimenti il rischio è che la giunta faccia campagna elettorale strumentalizzando l’emergenza e i bisogni delle persone e della città.”

Poi le proposte:
• un centro storico chiuso al traffico e aperto alle attività commerciali e alle persone, con un plateatico
aumentato ma detassato e contributi a fondo perduto per il sostegno dei fitti commerciali e delle
attività in crisi
• la riduzione dell’iIMU, della TARI e della TOSAP
• un fondo di solidarietà per famiglie e per le situazioni di disagio
• un piano di assunzione per lavoratori socialmente utili destinato alle fasce più colpite dalla
disoccupazione (es. over 40)
• l’avvio di una rete di protezione sociale per sostenere le associazioni che fondano sulla loro attività il
proprio sostentamento e che creano occupazione nel territorio
• l’avvio di lavori immediati per il recupero delle scuole dismesse da utilizzare per aumentare gli
spazi scolastici
• l’avvio di nuovi progetti per piste ciclabili e l’incremento aree per il tempo libero a sostegno di una
mobilità di qualità
• l’attivazione coordinata dei centri estivi per i bambini
• un nuovo impegno nei confronti della sanità con una richiesta immediata alla presidenza della
regione Veneto da parte del Sindaco Senatore per il rafforzamento del sistema sanitario pubblico
anche in riferimento alla medicina territoriale
• l’utilizzo immediato per il rilancio dell’avanzo di amministrazione e delle economie gestionali su
iniziative e feste varie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button