Home -> Pordenone -> Pordenone/Sgominata la banda dei georgiani

Pordenone/Sgominata la banda dei georgiani

Sgominata nei giorni scorsi dalla Polizia di Pordenone una banda di georgiani specializzati in furti in abitazione.
Tutto è iniziato da un controllo di routine su un’auto intercettata intorno alle 16.15 di martedì in Viale Dante a Pordenone.

Alla guida di una Citroen con targa francese, due uomini e una donna 32enne georgiana di Pordenone e con precedenti, che agli agenti mostrava una patente del suo paese del tutto diversa da quelle regolari.
Per lei era scattata la denuncia in stato di libertà per il reato di uso di atto falso.

Gli agenti preferivano poi approfondire la conoscenza anche dei due uomini, scoprendo, in Questura, che il fratello della donna
era un 36enne con le impronte alterate, tecnica utilizzata da chi ruba nelle case, per non lasciare tracce.
Da quel momento i tre venivano rimessi in libertà ma tenuti sotto controllo.

Già il giorno dopo la cosa ha dato risultati: intorno alle 16.30, in via Damiani, gli agenti si trovavano di fronte un’altra coppia di georgiani che, camminando a piedi, si soffermavano ad osservare le abitazioni circostanti.

Controllati i due, uno è stato trovato in possesso di un grosso coltello a serramanico da 20 cm e l’altro di un cacciavite da 23.
Accompagnati in Questura, i due sono risultati ospiti proprio della giovane georgiana controllata il giorno prima.
la coppia aveva anche declinato false generalità: quelle vere hanno identificato un 29enne già condannato per furti in abitazione nella zona di Modena.
Il giovane aveva schivato il carcere optando per l’espulsione dall’Italia per un decennio.
Non avendo ottemperato, per lui si sono aperte le porte del carcere: sconterà 1 anno, 4 mesi e 9 giorni di reclusione.

Il “compare”, un 46enne in Italia senza fissa dimora, dovrà invece lasciare l’Italia entro 7 giorni.
Compreso che i 5 erano legati tra loro, tutti con lo stesso scopo, ossia depredare abitazioni, ieri i poliziotti hanno perquisito la casa della 32enne georgiana, alla quale nel frattempo è stato revocato il permesso di soggiorno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*