Home -> Pordenone -> Pordenone: Nue 112 tempi soccorso fondamentali per esito aiuto

Pordenone: Nue 112 tempi soccorso fondamentali per esito aiuto

“Un ragazzo ha rischiato di annegare nel fiume Meduna.
E’ accaduto nel pomeriggio dello scorso 14 luglio, in un tratto di corso d’acqua che lambisce Pordenone.
Un testimone ha riferito alla stampa che i soccorsi hanno impiegato venti minuti per arrivare, nonostante ci si trovasse a non più di 5 chilometri dall’ospedale Santa Maria degli Angeli”.

Lo riporta in una nota il consigliere regionale del Gruppo Misto, Walter Zalukar, che fa sapere che per questo ha presentato un’interrogazione alla Giunta regionale, “perché se dalla verifica dei tempi di soccorso dovesse emergere che questi erano incomprimibili, e quindi adeguati, i cittadini ne sarebbero certamente rassicurati, se invece si evidenziassero ritardi evitabili, bisognerà esaminare cosa è successo e adottare le opportune azioni correttive”.

“Le situazioni di annegamento sono strettamente tempo-dipendenti per la sopravvivenza – commenta Zalukar -, per cui vanno accertati i tempi e le modalità di soccorso e ciò si potrà facilmente conoscere esaminando le schede contatto, intervento e missione della Centrale di emergenza di Palmanova”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*