Pordenone

Pordenone/Contromano in Corso Vittorio: beccata

Alcuni giorni fa una Renault Clio aveva percorso quasi interamente Corso Vittorio Emanuele II in senso contrario.
Qualcuno, stupito, l’aveva pure fotografata postando la bravata sui social.

L’episodio non era passato inosservato nemmeno alla Polizia Locale che aveva avviato un’indagine andata a buon fine.

Gli agenti hanno infatti rintracciato la donna che era alla guida: una quarantenne pordenonese che è stata convocata negli uffici del Comando della Polizia locale.

Qui le sono state contestate la guida controsenso di marcia e il mancato permesso di transito in una zona a traffico limitato.
Dalla data di contestazione del verbale avrà cinque giorni di tempo per pagare 87.50 Euro.

negli ultimi tempi, il controllo del centro storico cittadino ha portato la Polizia Locale ad elevare sanzioni a diverse auto che sostavano in ZTL senza avere il permesso esposto.

Tra queste, un veicolo con targa slovena che transitava in piazza Cavour e sanzionato con 58,10 euro, con immediato pagamento sul posto, come previsto in caso di circolazione di vetture con targa straniera.

Un automobilista alla guida di un suv, invece, fermato in centro, alla richiesta della documentazione ha esibito un permesso non valido per il tipo di auto che guidava: agli agenti ha mostrato il certificato di un altro veicolo.
L’automobilista, un giovane udinese, ha poi anche protestato vivamente, ma la cosa non gli ha evitato la multa.

In un altro episodio, ad un uomo residente a Milano ma domiciliato a Pordenone è stata comminata una multa perché non ha raccolto le deiezioni del proprio cane.
Il soggetto aveva cercato di farla franca declinando false generalità e per questo è stato denunciato.

Plaude agli agenti della Polizia locale l’assessore Emanuele Loperfido che ricorda come la loro attività di controllo tuteli il nostro patrimonio urbanistico nei confronti di coloro che, in barba alle norme e alla maggioranza dei pordenonesi rispettosi delle regole, adottano comportamenti da furbetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button