Home -> Pordenone -> Pordenone/Cardiologie aperte per gli studenti
Un momento dell'incontro

Pordenone/Cardiologie aperte per gli studenti

Aprire agli studenti le porte degli ospedali affinchè possano conoscere più da vicino una delle strutture che caratterizzano il territorio.
Ma anche sensibilizzare i giovani all’adozione di corretti stili di vita e alla cultura della prevenzione.

È questo, per il vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia, il duplice scopo dell’iniziativa intitolata “Cardiologie aperte”, organizzata nel reparto del S. Maria degli Angeli di Pordenone in collaborazione con l’associazione di volontariato “Amici del cuore” e quella dei medici cardiologi ospedalieri (Anmco), alla quale l’esponente dell’esecutivo ha portato oggi il suo saluto ad inizio lavori.

All’incontro erano presenti gli studenti del Liceo scientifico Michelangelo Grigoletti mentre nei giorni precedenti hanno partecipato i colleghi delle altre scuole secondarie di secondo grado della Città.

In particolare, la Regione ha voluto evidenziare l’importanza di simili iniziative, perché hanno anche come obiettivo primario quello di aprire le porte delle strutture al pubblico, al fine di far comprendere il vero lavoro che viene compiuto all’interno dei nosocomi.
Inoltre, il vicepresidente ha posto in risalto la necessità che tra le nuove generazioni si diffonda la cultura della prevenzione delle malattie cardiovascolari, attraverso l’adozione di corretti stili di vita e la sensibilizzazione sui rischi per la salute.

La possibilità di dialogare con gli studenti è quindi vista dalla Regione come un valido momento di confronto e di riflessione messo a disposizione dai professionisti del settore a favore dei ragazzi, iniziativa che si spera possa sfociare in comportamenti corretti con importanti ricadute sul sistema sanitario del Friuli Venezia Giulia.

L’augurio della Regione è che molti dei presenti all’incontro possano intraprendere una professione nell’ambito della salute.
Tuttavia è stato rilevato che il tema riguardante le scuole di specialità rappresenta uno dei colli di bottiglia di questo settore, argomento sul quale la Conferenza delle Regioni e il Governo devono lavorare per arrivare ad una soluzione del problema.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*