Pordenone

Pordenone/A Torre arrestato 34enne accusato di tentato omicidio

Resta in carcere in attesa di conoscere il suo destino, il 34enne Antonio Consalvo, autore, sabato sera, della brutale aggressione del padre della sua convivente, un 65enne che, picchiato con una mazza da baseball in metallo, rischia ora la vita, ricoverato in prognosi riservata all’Ospedale cittadino.

I fatti.
Quel che è successo sabato scorso nell’abitazione a due piani, in quartiere Torre, è piuttosto chiaro, ricostruito dagli uomini della Questura sia attraverso le testimonianze dei vicini che hanno lanciati l’allarme, sia sulla scorta dei rilievi della Scientifica.

Il 34enne e la compagna hanno ricevuto la visita del padre di lei apertamente contrario alla convivenza tra i due, per il burrascoso passato del Consalvo, noto alle Forze dell’ordine per fatti di droga e per reati contro la persona.

Il difficile rapporto tra i due uomini è presto degenerato in lite, con il 34enne che ad un certo punto è corso in camera a recuperare la mazza da baseball.
Con quella avrebbe colpito ripetutamente il 65enne, anche alle spalle, mentre il poveretto cercava una via di fuga e pure alla testa, causandogli gravi ferite.

Chiamati dai residenti impauriti per la violenza dell’alterco, i poliziotti hanno poi trovato il 65enne a terra privo di sensi, in cortile, che sanguinava copiosamente dalla testa.
Vicino, la figlia e poco più in là il Consalvo, forse preda dei fumi dell’alcol, di certo con gli abiti amncora sporchi di sangue.

E’ stato lui stesso a riferire agli agenti di aver colpito il padre della compagna, indicando a terra l’arma usata per la feroce aggressione.
Subito dopo arrivava anche l’ambulanza: stabilizzata la vittima, la corsa al Santa Maria degli Angeli, dove il 65enne è tutt’ora ricoverato in prognosi riservata.

Per Antonio Consalvo scattava invece l’arresto.
Stamani l’udienza di convalida dinnanzi al G.I.P. Rodolfo Piccin che ha confermato l’arresto con l’accusa di tentato omicidio, disponendo la custodia cautelare in carcere del 44enne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button