Pordenone

Piccolo Teatro e UTE Sacile intrecciano omaggio storico alla moda del Quattrocento

Intreccio questa settimana tra “I Colori del Teatro” che caratterizzano la nuova Stagione del Piccolo Teatro Città di Sacile e i Corsi generali dell’Anno Accademico UTE di Sacile, che condividono martedì 11 febbraio il secondo ed ultimo appuntamento con il Corso di Storia del Costume curato dalla studiosa Erica Martin, storica dell’arte e della moda, scrittrice e Accademica della Cucina.
Alle ore 15 nella sede UTE di Borgo San Gregorio la docente completerà il quadro, già avviato lo scorso gennaio, sulle linee principali dell’abbigliamento maschile e femminile del Nord Italia durante il XV secolo.

Un’occasione per focalizzare un aspetto importante della vita del Quattrocento, in relazione anche al nuovo progetto tematico che il Piccolo Teatro svilupperà nel corso del 2020 “La Patria del Friuli da Aquileia a Venezia: da Terre del Patriarcato a Domini di Terraferma”, un percorso che proporrà diverse occasioni di formazione e approfondimento intorno al passaggio storico dallo Stato Patriarcale aquileiese al governo veneziano delle Serenissima (1420), che anche la Regione Friuli Venezia Giulia ha sollecitato come tema di riflessione.

Dopo aver preso in esame il costume delle ricche signore del nord Italia, questa volta il titolo della lezione sarà “Restare in zupone”, ovvero un excursus nella moda maschile dello stesso orizzonte storico e territoriale, sempre con riferimento alle classi più abbienti della popolazione. Gli uomini ricchi e nobili del Quattrocento, soprattutto quelli giovani, amavano infatti ostentare il corpo allenato da guerrieri e da esperti schermidori indossando corti farsetti e calze attillatissime, le quali lasciavano bel poco all’immaginazione. Gli elegantoni dell’epoca si pavoneggiavano passeggiando vestiti di sete e velluti dai colori squillanti, le chiome ondulate col ferro caldo e il falcone appollaiato sul pugno guantato di morbida e sottilissima pelle sbiancata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button