Venezia

Perde i soldi al gioco e finge rapimento: scoperto dai Carabinieri

Simulare un rapimento non è un’impresa facile.
Lo ha scoperto, a sue spese, un 39enne padre di famiglia messosi nei guai con le sue stesse mani.

Intenzionato ad acquistare un negozietto a Venezia, il 39enne, di mestiere operaio e residente in centro a Mestre, aveva salutato la famiglia annunciando di recarsi dal commercialista per portargli i 7 mila euro che servivano da caparra per l’operazione che gli doveva cambiare la vita.

All’ora di cena però non è ancora rientrato e la preoccupazione del figlio cresce a dismisura quando riceve una veloce telefonata del padre che gli annuncia di essere “prigioniero” di alcune persone, di avere poco tempo per parlare, di non contattarlo e soprattutto non chiamare i Carabinieri.

Saggiamente, il ragazzo lo contraddice e si reca a sporgere denuncia.
I Carabinieri attivano le ricerche, ma nutrono dei dubbi.
Confermati poi dalla localizzazione del telefonino dell’uomo che viene individuato a Verona, poi a Milano e quindi a Firenze.
Sempre individuato in celle molto vicine alle linee ferroviarie.
La storia del rapimento si fa sempre più debole.

Il giorno dopo, in tarda serata, forse pentito o resosi conto della sua azione, il 39enne si fa vivo con la famiglia e, tornato dalla Toscana, si presenta ai Carabinieri.
A loro cerca di far bere la storiella del rapimento, finendo invece col cedere e confessare tutto.

Buona parte del denaro l’ha persa al gioco.

Cosa sperasse di ottenere con la balla del rapimento non è chiaro: forse intendeva sparire, o solo prendere tempo.

Il suo caso è invece ora su un tavolo della Procura di Venezia dove verrà valutata la sua posizione per simulazione di reato ed eventualmente anche procurato allarme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button