Treviso

Oderzo/Protesta al mercato: tante bancarelle sono rimaste chiuse

Non è filato tutto liscio nella prima giornata del mercato rivoluzionato ad Oderzo per le esigenze legate al contenimento della diffusione del Coronavirus.

Le modifiche alle postazioni sono state mal digerite da buona parte degli ambulanti che, al loro arrivo, hanno preferito non aprire e recarsi subito in piazza ad inscenare una protesta.

Molti ambulanti hanno rifiutato di esporre la merce contestando il metodo scelto dal Comune di Oderzo che ha assegnato i nuovi posti in base ad un raggruppamento per merceologia e dimensioni delle bancarelle.

Gli ambulanti hanno avuto un lungo confronto con il Comandante della Polizia Locale e l’assessore Patres.

A metà mattina è arrivata sul posto anche la sindaca Maria Scardellato e lungo via Umberto I° si è acceso un lungo confronto tra lei e i rappresentanti di categoria.

La Sindaca ha evidenziato come l’Amministrazione Comunale si sia prodigata a favore degli ambulanti adottando un criterio geometrico, posizionando bancarelle più piccole nelle vie più piccole, bancarelle più grandi negli spazi più grandi.

La tradizionale distribuzione dei posti non dava infatti le necessarie garanzie anti assembramenti.

Al mercato oggi, tutti con le mascherine

Dal canto loro, gli ambulanti chiedevano a gran voce la riassegnazione proprio dei loro posti storici.

La Scardellato ha più volte assicurato di essere disponibile a valutare eventuali, ulteriori, modifiche e suggerimenti per una revisione del mercato del mercoledì.

Questa volta però, raccogliendo le istanze di tutti gli ambulanti e non solo dei loro rappresentanti.

Servirà trovare la classica quadratura del cerchio, ma pare evidente che, se la planimetria originale non risponde alle mutate esigenze, qualche sacrificio andrà fatto.

Stamani al mercato di Oderzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button