Treviso

Oderzo/Esce dalla sala slot e finisce all’Ospedale (per il suo bene)

Episodio piuttosto concitato, quello accaduto qualche sera fa a Oderzo, che ha impressionato chi vi ha assistito e richiesto tutta la professionalità dei Vigili Urbani opitergini.

Una situazione difficile da gestire.
All’esterno della sala slot che si trova in via degli Alpini, a ridosso della stazione delle corriere, un avventore straniero appena uscito e alterato dall’alcool ha dato in escandescenze, arrivando al pericoloso gesto autolesionistico di sbattere violentemente la testa contro le vetrate.

Prima che l’uomo rivolgesse la sua ira verso i passanti c’è stato il pronto intervento di una pattuglia dei Vigili urbani.
Tre agenti presenti in zona perché l’area è considerata a rischio degrado.

Con molta calma e professionalità, gli agenti sono riusciti a gestire il malcapitato che è stato prima immobilizzato e poi, con la collaborazione di una pattuglia del Cimic di ronda a Oderzo, accompagnato alla caserma dei carabinieri.

Viste le sue condizioni, per l’uomo è stato poi richiesto l’intervento di un’ambulanza che lo ha accompagnato alla Psichiatria di Treviso.
Lì gli agenti della Polizia Minucipale sono rimasti poi sino alle 23.

Il comandante Andrea Marchesin sottolinea come sempre più spesso il corpo sia impiegato in azioni di controllo sul territorio, con la richiesta di un tasso di professionalità sempre maggiore, considerate le problematiche che insorgono.

Lo sottolinea anche la Sindaca maria Scardellato che plaude all’intervento e rimarca come l’operato della Municipale sia sempre più a 360°: dagli interventi antitruffa (l’ultimo pochi giorni fa quando ne è stata sventata una ai danni di una coppia di anziani), fino ai controlli nei campi, contro coloro che bruciano materiali senza averne autorizzazone (E’ stata elevata più di qualche multa di questo tipo, negli ultimi tempi).

Insomma, siamo un po’ lontani ormai, dalla tradizionale figura del Vigile Urbano preposto solo al controllo del traffico.
Gli agenti si trovano sempre di più a contatto con la gente, a controllare il territorio.

commenti

  1. Visto che le “sale gioco” (attività di scommesse, sale giochi con apparecchi videolottery e sale bingo) non è possibile farle chiudere ma dovrebbero stare lontane da “luoghi qualificati sensibili” (scuole e quant’altro) mi domando, come mai, non si è ancora deciso di spostare quella in zona Stazione delle corriere frequentata molto anche dai tanti studenti che arrivano in città per andare a scuola. Prevenire, altro che plaudere i nostri bravi Vigili Urbani che già sono molto impegnati nel loro lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button