Venezia

Nuovo sequestro nell’area del Parco San Giuliano

Militari della Stazione Carabinieri Forestale di Mestre e del locale Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale dei Carabinieri, nell’ambito dell’indagine sulle già rilevate violazioni ambientali connesse alla realizzazione delle opere pubbliche a servizio delle grandi manifestazioni all’interno del Parco San Giuliano del comune di Venezia, hanno proceduto ad operare il sequestro preventivo disposto dal G.I.P. di Venezia Dr.ssa Barbara Lancieri, per violazione del Codice dei beni culturali e del paesaggio, sull’area del Parco interessata dal progetto edilizio, in parte realizzato ed in parte in corso di realizzazione, posto in opera in assenza della prescritta autorizzazione paesaggistica.

In particolare, si tratta della realizzazione, tra l’altro, di ingressi per il pubblico, di un piazzale in cemento ove far insistere eventuali parchi, trasformabile in campi da basket, servizi igienici ed un ponte funzionale al collegamento della zona del cosidetto “tamburello”.

Le opere, realizzate su area del Parco soggetta a vincolo paesaggistico, sono state realizzate non solo in assenza della necessaria autorizzazione della Soprintendenza, ma anche in difformità al parere che la stessa rilasciava, fornendo delle prescrizioni per l’esecuzione dei lavori.

I militari dei Carabinieri Forestale hanno inoltre proceduto alla contestazione delle ipotesi di reato previste dal Testo Unico Edilizia a carico dei Direttori lavori che si sono succeduti nel tempo, del Responsabile unico del procedimento e del legale rappresentante della società esecutrice materiale dei lavori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button