Home -> Veneto -> Numerosi gli interventi del Soccorso Alpino nella giornata di domenica

Numerosi gli interventi del Soccorso Alpino nella giornata di domenica

Questa mattina alle 9.45 l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato sulla Terza Pala di San Lucano, a Taibon Agordino, per una cordata bloccata.

Dopo aver bivaccato in parete lungo la Via Tissi – Andrich, due alpinisti avevano ripreso la scalata, ma erano usciti al di fuori del tracciato corretto ritrovandosi in un tratto difficile.

Impossibilitati a proseguire, M.B., 35 anni, di Tezze sul Brenta (VI) e A.D.M., 50 anni, di Cittadella (PD), hanno chiamato il 118.

Recuperati dal tecnico di elisoccorso con un verricello di 40 metri, un centinaio di metri sotto la cima, i due rocciatori sono stati trasportarti a valle.

L’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano è intervenuto a Cortina d’Ampezzo sulla normale al Sass de Stria e ha recuperato un escursionista, di 74 anni, che era scivolato e si era fatto male a una gamba.

Attorno alle 13 il Soccorso alpino di San Vito di Cadore è stato allertato per un’escursionista che si era persa rientrando all’abitato di Vodo di Cadore. P.D., 46 anni, di Venezia, che stava scendendo con il proprio cane lungo il sentiero non distante da Casera Cercenà, dopo aver trovato degli schianti aveva perso l’orientamento fino a incrodarsi sopra alcuni salti di roccia.

Risaliti alle coordinate del punto, un soccorritore la ha individuata e raggiunta dal basso, poiché il punto indicato non era preciso. Una volta da lei, la ha accompagnata al Rifugio, dove attendeva una squadra in jeep che li ha riportati a Vodo.

Una squadra del Soccorso alpino dell’Alpago è invece stata inviata non distante dalla chiesetta di Sant’Antonio Tiriton, sul sentiero che scende dal Cansiglio verso Farra d’Alpago, dove una donna, E.L., 40 anni, di Piove di Sacco (PD), era caduta riportando un probabile trauma facciale.

I soccorritori le hanno prestato le prime cure assieme ai sanitari dell’ambulanza, la hanno imbarellata è trasportata fino alla strada per caricarla a bordo e trasferirla all’ospedale.

È stato invece sufficiente un consiglio telefonico da parte del Soccorso alpino di Cortina per tre escursionisti, che avevano perso il sentiero sulla Tofana di Mezzo.

Geolocalizzati, sono stati reindirizzati sul tracciato corretto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*