Home -> Rubriche -> Natura & Benessere -> Natura & Benessere

Natura & Benessere

L’infiammazione si combatte anche imparando a mangiare

La scorsa settimana abbiamo illustrato come l’infiammazione cronica sia una problematica che colpisce molte persone a loro insaputa e crea dei disequilibri importanti ai processi fisiologici del corpo.

Cibo si e cibo NO.
Lo si dice spesso: l’alimentazione è il primo rimedio!
Funziona anche al contrario: un’alimentazione squilibrata destabilizza l’organismo.
Il consumo di carboidrati semplici (zucchero della frutta, tutti gli zuccheri aggiunti) e l’eccesso di grassi “cattivi” provoca una reazione infiammatoria, insieme al consumo insufficiente di fibre.
Si consiglia pertanto di limitare i pasti pronti, i salumi e persino i prodotti lattiero-caseari.
Per quanto riguarda lo zucchero, è meglio evitare i pasticcini, le bevande zuccherate, le farine raffinate.
Inoltre, conosciamo ormai i legami tra l’infiammazione e l’equilibrio intestinale.
La flora intestinale è formata da numerosi microrganismi non patogeni e soprattutto necessari per l’equilibrio del corpo.
Quando il microbiota intestinale si riduce, è presente uno squilibrio generale dell’organismo, tanto più a livello infiammatorio.

Infine, le malattie infiammatorie intestinali si trasformano, nel 20% dei casi, nel carcinoma del colon-retto.
La stabilizzazione della flora intestinale costituisce quindi una speranza terapeutica in molte patologie.

Quale ruolo per l’attività fisica?
Al di là di qualsiasi patologia infiammatoria, l’attività fisica regolare e moderata ha effetti benefici.
Come sull’intero organismo, d’altronde.
In queste condizioni, lo sport limita infatti la produzione di cellule pro-infiammatorie.

Bastano dai 20 ai 30 minuti al giorno per sfruttare l’azione antinfiammatoria dello sport!
Tuttavia, occorre essere prudenti, specialmente quando soffri di artrosi o patologie infiammatorie articolari in generale.
Alcuni sport favoriscono l’artrosi, in particolare quelli che comportano forti impatti o torsioni.

L’obesità è una malattia infiammatoria
L’obesità e l’infiammazione conservano dei legami che possono essere qualificati come pericolosi.
L’obesità favorisce l’infiammazione cronica, ma è vero anche il contrario.
L’infiammazione cronica favorisce infatti l’insulino-resistenza.

Quest’ultima non funziona più correttamente e il livello di zucchero nel sangue sale alle stelle.
Parliamo quindi di un circolo vizioso.
Inoltre, un sovraccarico di cibo affatica il metabolismo.
I meccanismi di eliminazione lasciano il posto ai meccanismi di accumulo: lo zucchero nei muscoli e nel fegato e i grassi negli adipociti.
Queste cellule aumentano la risposta infiammatoria, conservando il circolo vizioso.

Il trattamento dell’infiammazione è uno degli approcci terapeutici più studiati nel contesto del sovrappeso e dell’obesità.

Le soluzioni naturali per controllare l’infiammazione
È stato detto che è necessaria una dieta equilibrata per limitare l’infiammazione cronica.
Alcuni alimenti sono ancora più indicati in considerazione della loro azione antinfiammatoria.
La curcuma, ad esempio, si è dimostrata efficace su diversi meccanismi infiammatori.
Il ribes nero è anche noto per le sue proprietà antinfiammatorie, così come i mirtilli rossi, il mirtillo e le bacche di goji.

Agire sul sintomo equivale a tamponare
L’infiammazione cronica è caratterizzata da meccanismi complessi, a volte ancora irrisolti dalla comunità scientifica.
A scopo preventivo, una dieta equilibrata e una regolare attività fisica sono i primi passi nella lotta contro l’infiammazione.
La cosa migliore è sempre identificare la causa dell’infiammazione ed agire su questa per essere risolutivi.

Vania Lot

Questa pagina ospita Vania Lot: Naturopata Riflessologa, Iridologa, esperta di Alimentazione naturale.
Analizza la funzionalità dell’individuo attraverso la valutazione Iridologica, naturopatica, i test di Kinesiologia applicata e L’EAVI.
Aiuta a conoscere il percorso migliore per rimanere in salute e ripristina l’equilibrio bio-energetico-funzionale del nostro organismo.
Operatrice Reiki, utilizza tecniche di Shiatsu, Riflessologia della mano e del piede, Riflessologia facciale (Dien Chan), craniosacrale, moxibustione (moxa), coppettazione (cupping terapy), Tong Reng e Fiori di Bach.
Lavora con donne in gravidanza per un sostegno naturale in questo momento importante della vita e supporta i genitori durante la crescita dei bambini per educarli ad un sano stile di vita.
Vania è Docente di Floriterapia, Alimentazione Naturale ed Erboristeria. In questa rubrica affronterà temi legati alla salute e al benessere naturale.


www.vanianaturopata.it

Risponde al 338 37 23 103

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*