Home -> Venezia -> Musile di P./Inaugurato il punto prelievi e centro di medicina integrata

Musile di P./Inaugurato il punto prelievi e centro di medicina integrata

Taglio del nastro, questa mattina, del nuovo Punto Prelievi e Centro di Medicina Integrata di
Musile di Piave.
All’inaugurazione hanno preso parte il sindaco di Musile di Piave, Silvia Susanna, il direttore generale dell’Ulss 4 Carlo Bramezza, il vicegovernatore del Veneto Gianluca Forcolin e l’assessore regionale alla sanità, Manuela Lanzarin.

La struttura sanitaria situata in via Bellini, dal prossimo 24 settembre metterà a disposizione di tutti i cittadini il nuovo servizio di prelievi del sangue, alla presenza di un’infermiera e dei medici di base che già sono al lavoro nei locali da diversi mesi grazie alla Medicina di Gruppo.

Il Punto Prelievi sarà attivo il martedì e il giovedì dalle 7.30 alle 9.30, per un massimo di 40 prelievi a giornata.
Per accedere al servizio bisognerà portare l’impegnativa del medico: la prorità verrà data ad anziani e soggetti con problematiche fisiche.

I locali, di recente, sono stati interessati da una serie di servizi migliorativi, come per esempio l’insonorizzazione e la videodiffusione nella sala d’attesa, con televisori che annunciano la chiamata di prelievo.
L’associazione di volontariato I Musili fornirà un servizio di trasporto gratuito ai cittadini che hanno difficoltà di trasporto, specie quelli delle frazioni.

«Aggiungiamo un nuovo tassello a una struttura che già si sta rivelando efficace», ha detto il sindaco Silvia Susanna, «e mi riferisco in particolare al lavoro svolto dai 5 medici di base nella struttura di via Bellini.
Ora qui si potranno effettuare anche i prelievi del sangue: un servizio che sarà particolarmente utile alla popolazione, specie quella anziana, ma anche donne in gravidanza e soggetti deboli.
Ma le novità non finiscono.

Il Comune, in tema di prelievi, ha effettuato un protocollo sperimentale di collaborazione con le due farmacie di
Musile, che ai cittadini che lo chiederanno, fornendo apposito codice, potranno effettuare la stampa delle analisi.
Il servizio partirà intanto con la farmacia Pilla di via Marconi e poi verrà esteso anche alla seconda attività commerciale. Ringrazio la Regione per il supporto fornitoci – ha concluso il sindaco Susanna- ma anche l’Ulss 4 per la costante collaborazione e le associazioni di volontariato, che con il loro supporto rappresentano un aiuto davvero
inestimabile per la popolazione fragile».

«Questo Centro di Medicina è il punto di arrivo di un percorso di stretta e proficua collaborazione tra ULSS 4 e Amministrazione Comunale di Musile, avviato a fine 2017», ha aggiunto il direttore generale dell’Ulss4, Carlo Bramezza, «infatti oggi integra diverse attività e servizi sanitari assicurati a favore della popolazione residente, in una struttura rinnovata e comodamente raggiungibile.

Oltre al punto prelievi più volte richiesto dalla popolazione, questa struttura offre la medicina di gruppo con 5 medici, l’assistenza infermieristica erogata dagli infermieri della medicina di gruppo integrata.
E inoltre la collaborazione con il volontariato locale e l’integrazione con la farmacia del territorio aiuta
ulteriormente quelle persone fragili, o che necessitano di un aiuto alternativo alla famiglia».

Tutta la popolazione di Musile può acceredere al Punto Prelievi, anche se seguita da un
medico di base non presente nei locali di via Bellini.
«Quella di oggi è una giornata importante», ha detto il vicegovernatore del Veneto, Gianluca Forcolin, «perchè si ottiene un risultato frutto di una collaborazione da parte di tutti gli enti coinvolti e in maniera trasversale.
Il Centro di Medicina e Punto Prelievi rappresenta appieno un esempio di sanità “a km 0” che mette al centro il cittadino, con i suoi bisogni e le sue istanze».

«La Regione del Veneto», ha spiegato l’assessore regionale alla sanità e al sociale, Manuela Lanzarin, «dimostra di essere vicina alla popolazione non solo quando si parla di specialità ma anche quando si parla di territorio. Ringrazio per la collaborazione il Comune di Musile di Piave e l’azienda sanitaria.
Le prime esperienze di medicina di gruppo hanno funzionato, dando l’opportunità all’utenza di avvicinarsi a queste strutture, che garantiscono supporto e servizi specifici ai bisogni di prima istanza».

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*