Treviso

MoM prende le difese dell'autista denunciato per aver urtato studentessa

In relazione al sinistro occorso in data 3 ottobre 2019 e a seguito delle indagini, i carabinieri hanno denunciato un autista della Mom che a Castelfranco ha urtato una studentessa che dopo una caduta ha riportato la frattura della spalla.
Sulla vicenda, Mobilità di Marca precisa che ha avviato da subito tutte le procedure interne al fine di verificare l’accaduto e per offrire tutta l’assistenza del caso.
L’abbonata, giunta in autostazione a Castelfranco Veneto verso le 13:30 con un servizio navetta proveniente da un istituto, avrebbe tentato l’attraversamento di via Podgora.
In base alla relazione sottoscritta dal conducente, la studentessa non si trovava in corrispondenza delle strisce pedonali e non stava guardando la strada poiché intenta ad utilizzare il suo cellulare.
L’autista, accortosi del pericolo, ha frenato e azionato il clacson ma la studentessa, che probabilmente indossava gli auricolari, non ha sentito.
Il mezzo procedeva a bassissima velocità, ma non ha potuto evitare di urtare lievemente il pedone. La giovane è caduta a terra, ma si è subito rialzata.
L’autista ha dichiarato di essersi fermato e di essere sceso dal bus per fornire il proprio aiuto, ma la ragazza, nel frattempo, si era già allontanata spontaneamente con altre compagne confondendosi tra il gran numero di studenti presenti a quell’ora.
Nella stessa giornata la famiglia si è rivolta al servizio Clienti MOM che ha dato tutta l’assistenza necessaria. I nostri uffici hanno contatto la famiglia anche nei giorni seguenti per sincerarsi delle condizioni della giovane che, a quanto affermato dalla madre, era stata dimessa dal pronto soccorso con una prognosi iniziale di 6 giorni.
Siamo sicuramente spiacenti che la prognosi si sia successivamente aggravata, siamo a disposizione degli inquirenti affinché si giunga con celerità all’accertamento dei fatti ed abbiamo già avviato la relativa pratica assicurativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button