Home -> Curiosità -> Miss Italia/Tris di donne in giuria per le Prefinali

Miss Italia/Tris di donne in giuria per le Prefinali

Sarà una commissione tutta al femminile, dall’attrice Caterina Murino all’insegnante di “Ballando con le stelle” Samanta Togni, fino alla giornalista e scrittrice Silvana Giacobini, a decretare chi andrà in Finale per conquistare la corona di Miss Italia 2019.

L’annuncio è stato dato nel corso della conferenza stampa che si è svolta ieri a Venezia Mestre, presso “M9-Museo del ‘900”, alla presenza della presidente del Consiglio comunale di Venezia Ermelinda Damiano, dell’assessore al Turismo del Comune di Jesolo Flavia Pastò, della patron di Miss Italia Patrizia Mirigliani, di Miss Italia 2018 Carlotta Maggiorana, del presidente di VE.LA Piero Rosa Salva e del consigliere di M9 District, Amerigo Restucci.

Proprio nello spazio espositivo che racconta la storia del Novecento italiano attraverso una narrazione multimediale e interattiva, dove non manca una parte dedicata alla moda e al costume, con un capitolo su Miss Italia, oggi e domani le tre giurate delle Prefinali, infatti, sceglieranno le 57 Miss che, insieme alle 21 rappresentanti delle Regioni, a Miss Venezia M9 e a Miss Jesolo, formeranno il gruppo delle finaliste.

Ermelinda Damiano, portando i saluti del sindaco Luigi Brugnaro, ha spiegato: “In questa edizione del 2019, storica per molti versi, Venezia e Mestre avranno, assieme alle concorrenti, un ruolo fondamentale e di primissimo piano. Le ragazze in gara sfileranno qui all’M9, museo del Novecento e contesto simbolo del nuovo volto del centro di Mestre che ben si lega al concorso di Miss Italia che ha raccontato in questi 80 anni l’evoluzione del costume femminile italiano valorizzando il concetto di bellezza in senso ampio andando oltre qualsiasi forma di stereotipo, pregiudizio o luogo comune. Essere belle – ha aggiunto Damiano – non è una colpa ed elogiare, celebrare la bellezza, la femminilità sotto ogni forma, compresa quella estetica, non svilisce in alcun modo il ruolo della donna nella società”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*