Venezia

Mestre/Resiste all’arresto e spedisce 2 agenti al Pronto Soccorso: condannato a 16 mesi

A Mestre, gli operatori Polfer, hanno tratto in arresto un 34enne per resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.
Notato dai poliziotti mentre si aggirava con fare sospetto all’uscita del sottopasso ciclopedonale della stazione, l’uomo è stato fermato, ma durante il controllo ha cercato di darsi alla fuga.
Bloccato, ha reagito colpendo gli agenti con calci e pugni.


Grazie anche all’ausilio di una volante della Questura di Venezia, giunta in appoggio, dopo aver nuovamente cercato di scappare arrampicandosi su una recinzione metallica e filo spinato, il 34enne è stato arrestato.
A seguito dell’aggressione, due operatori della Polizia Ferroviaria hanno riportato varie lesioni, per le quali sono dovuti ricorrere alle cure mediche del Pronto Soccorso.
Il 34enne, già gravato da precedenti penali, è stato giudicato con rito direttissimo e condannato ad 1 anno e 4 mesi.

Sempre nella stazione di Mestre-Venezia, i poliziotti hanno denunciato un 27enne, già noto alle Forze dell’Ordine, per possesso ingiustificato di armi.
Alla vista della pattuglia, in servizio di vigilanza nello scalo, il giovane ha cercato di occultare qualcosa all’interno del giubbotto; fermato per un controllo, è stato trovato in possesso di un coltello con una lama di 8 cm di lunghezza, che è stato posto sotto sequestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button