Venezia

Mestre: arrestato dalle volanti l’aggressore del Parco Albanese. A suo carico diversi ordini di espulsione

Le Volanti della Questura sono intervenute a Mestre all’interno del parco pubblico Albanese dove era stato segnalato un uomo che stava aggredendo un passante.
Giunta sul posto, la Volante ha notato uno straniero che stava tentando di aggredire un cittadino iracheno che stava passeggiando con la moglie e la figlia, lanciando bottiglie e dopo aver strappato il telefono del malcapitato, lo aveva buttato nel laghetto del parco.

Gli operatori sono intervenuti ma l’aggressore si è lanciato contro gli Agenti, colpendoli a braccia e gambe, causando leggere lesioni a tre Agenti.
Subito fermato, anche con l’uso dello spray al peperoncino, lo straniero è stato fatto salire in volante dove ha sfasciato un finestrino.

Portato in Questura ha continuato a mantenere un comportamento aggressivo sputando addosso agli Agenti.

Per tale motivo D. M., cittadino della nato in Sierra Leone di trentacinque anni, già destinatario di diversi ordini di espulsione, con numerosissimi precedenti per reati contro la Pubblica Amministrazione, il patrimonio e inerenti la detenzione e lo spaccio di sostanza stupefacente, è stato tratto in arresto.
Processato per direttissima, lo straniero è stato condannato a un anno e due mesi di reclusione, e rimesso in libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button