Venezia

Mestre/Arrestata dalla Polizia locale una ucraina che tentava di spacciarsi per romena

Una donna ucraina di 35 anni è stata arrestata questa mattina all’Ufficio Anagrafe di Mestre, dal Nucleo Investigazioni Scientifiche della Polizia Locale, per aver tentato di ottenere la residenza nel Comune di Venezia presentando una carta d’identità romena falsificata.

Nei giorni scorsi, la donna aveva presentato una domanda in tal senso, ottenendo un appuntamento dagli addetti dell’Ufficio Anagrafe che avevano però messo in allarme la Polizia locale.

Così oggi la straniera ha trovato gli agenti, quando si è presentata agli sportelli.
Sequestrata la falsa carta d’identità romena, documento che le avrebbe consentito di muoversi liberamente all’interno dell’Unione Europea.
E’ invece spuntato il suo vero passaporto.

Le indagini hanno accertato che la donna aveva commesso lo stesso tipo di reato nel 2018, riuscendo in questo caso ad ottenere una iscrizione anagrafica presso il Comune di Martellago, sempre previa esibizione della stessa carta di identità romena falsificata.
Per lei è scattata così anche una denuncia a piede libero per questo reato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button