Venezia

Medico di base irraggiungibile finisce sotto inchiesta (per aver incassato 540 mila euro di troppo)

Medico del lavoro, medico legale, molto poco medico di base.
Secondo la Guardia di Finanza che ha indagato per conto della Procura della Repubblica di Venezia, il camice bianco in questione si dava molto da fare in molti settori, ma avrebbe colpevolmente trascurato i suoi assistiti.
Tanto che più di qualcuno se n’è lamentato, dando avvio all’indagine.

Il medico in questione è convenzionato sia con la Ulss 4 del Veneto Orientale che la 3 Serenissima, ma avrebbe colpevolmente impiegato ben più del tempo concessogli dalla legge, in attività extra ambulatoriali, senza dichiararlo (forse per non vedersi ridimensionare il numero di assistiti) e soprattutto, incassando indebitamente la bella somma di 540 mila euro.

Alla fine, i nodi sono venuti al pettine.
Oggi la Guardia di Finanza ha sequestrato preventivamente, al fine della confisca per equivalente, disponibilità per oltre mezzo milione di euro e il dottore risulta indagato per i reati di false dichiarazioni e truffa.
Partita da numerose segnalazioni di cittadini scontenti, l’indagine delegata al Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Venezia ha permesso di acquisire gravi indizi nei confronti del medico di base.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button