Home -> Venezia -> Maxi sequestro della Polizia locale veneziana: smantellata centrale della marijuana

Maxi sequestro della Polizia locale veneziana: smantellata centrale della marijuana

Sette serre, strumentazione per 120mila euro, quasi un chilo di foglie di marijuana essiccate e altrettante da essiccare, decine di bottiglie di diserbante: una centrale pronta ad immettere nel mercato diecimila dosi di stupefacente.

E’ a tutti gli effetti un maxi sequestro, quello operato dalla Polizia locale sabato sera, nei confronti di un veneziano di 47 anni, M.A., arrestato e posto ai domiciliari dal Gip, al termine dell’udienza di convalida.

Gli agenti del Nucleo Sicurezza urbana del Corpo hanno requisito l’intero capannone rurale della Gazzera dove è stata trovata la base di coltivazione dello stupefacente, al termine di perquisizioni durate un’intera nottata.

I risultati dell’operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica, sono stati presentati ieri pomeriggio nel corso di una conferenza stampa nella sede del Comando di Polizia locale di piazzale Roma, alla presenza del comandante della Polizia locale, Marco Agostini, dell’assessore alla Sicurezza urbana, Giorgio D’Este, del capo di gabinetto del Sindaco, Morris Ceron, e del responsabile del Servizio Sicurezza urbana del Corpo, commissario capo Gianni Franzoi.

“L’operazione è il logico frutto di un controllo del territorio sempre più capillare – ha dichiarato il comandante Agostini – non si tratta di un sequestro di poco conto, anzi. Avevamo informazioni precise sul fatto che il 47enne avesse la capacità di gestire discreti quantitativi di stupefacente, soprattutto in zona Marghera. Abbiamo tolto dalla piazza una vera centrale di spaccio”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*