Venezia

Maxi evasione cinese/Sequestrati 22 milioni di euro riconducibili a società dell’abbigliamento

22 milioni di euro posti sotto sequestro: conti correnti, contante, quote societarie, auto e immobili. Tutto riconducibile ad imprenditori cinesi del settore dell’abbigliamento e accusati di essere coinvolti a vario titolo in un complesso meccanismo di evasione fiscale.

Questo l’esito delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza di Venezia, delegate dalla Procura della Repubblica lagunare.
In particolare, le Fiamme Gialle hanno scoperto che un cinese nullatenente e residente in provincia avrebbe movimentato grandi somme di denaro su conti correnti di società cinesi che non hanno mai dichiarato alcun reddito.
Parliamo di 50 milioni di euro ipotizzabili quali profitto delle società in questione, tra il 2013 e il 2019, con un’evasione delle imposte e di Iva per circa 22 milioni.

A chiudere l’inchiesta, un centinaio di finanzieri hanno eseguito una ventina di perquisizioni in 6 regioni diverse, anche in studi commercialistici e nelle abitazioni degli indagati.

L’inchiesta ha riguardato 13 province diverse, tra queste, oltre a quella veneziana: Pordenone, Padova, Udine e Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button