Home -> Venezia -> Marghera/Abusivi cercano di scappare agli agenti arrampicandosi alle grondaie

Marghera/Abusivi cercano di scappare agli agenti arrampicandosi alle grondaie

Nella giornata di ieri, la Squadra Volanti della Questura ha arrestato un tunisino già noto alle Forze dell’Ordine per i suoi precedenti giudiziari.

L’arresto è stato il frutto di una segnalazione di alcuni residenti che avevano notato individui sospetti andare e venire da un edificio abbandonato di Marghera.
Fabbricati in disuso diventati rifugio di persone che, alla vista della Polizia, si sono date repentinamente alla fuga per eludere il controllo.

Si trattava di tre stranieri che hanno tentato la fuga arrampicandosi su per le grondaie dell’edificio, inseguiti dagli agenti attraverso i balconi.
I poliziotti sono riusciti a bloccarne uno: L.H., tunisino di 42 anni con precedenti per droga e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Accompagnato in Questura, è emerso che il soggetto aveva usato diversi alias: con uno dei quali si era guadagnato un Ordine di espulsione del Questore di Venezia e uno di carcerazione disposto dalla Corte d’Appello di Bologna.
In virtù di quest’ultimo dovrà scontare tre mesi di reclusione per ricettazione.
Il tunisino è stato tradotto in carcere.

Nel frattempo, ai fabbricati in disuso erano arrivati anche Vigili del fuoco e la Polizia Locale con i cani antidroga grazie ai quali nel giardino dello stabile sono stati scovati 50 gr. di eroina.
Nei locali interni, invece, sono stati trovati 8 telefoni cellulari, probabili proventi di furto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*