Home -> Venezia -> Lo spaccio in appartamento: tre arresti
la droga sequestrata dai Carabinieri

Lo spaccio in appartamento: tre arresti

Rappresentavano di fatto una piccola ma organizzata banda di spacciatori, i tre tunisini intercettati ieri dai Carabinieri di Mestre, a conclusione di un’indagine sullo spaccio nell’area di Piazza Sant’Antonio a Marghera.

I militari avevano ricevuto segnalazioni sulla presenza di spacciatori nel parco attiguo alla piazza e avevano iniziato una lunga serie di appostamenti che hanno portato alla scoperta anche di un appartamento che fungeva da base dei tre e luogo dove comprare la droga.

Lo dimostrano le due giovanissime ragazze, una del posto, l’altra da fuori, trovate insieme agli spacciatori e con una dose a testa appena acquistata.

I tre tunisini sono invece: A.L. 29enne, K.S. 19enne e S.S. 28enne, tutti domiciliati nello stesso appartamento, due già noti per i trascorsi criminali nell’area mestrina.

A nulla è valso, ai tre, stare a turno di vedetta alle finestre della casa per controllare se vi fossero Forze dell’ordine in giro.
Osservavano senza sapere di essere a loro volta osservati.

Il blitz è scattato quando uno dei tre è uscito dall’abitazione e, attraversato il parco, si è diretto verso via Rizzardi.
Una volta bloccato, ha cercato di depistare i militari riferendo di abitare in una “casa abbandonata”, così da coprire i complici.

I carabinieri, che invece sapevano già tutto, sono riusciti ad entrare nell’appartamento con un pretesto.
Qui vi hanno trovato un etto di eroina in sasso e tutto l’occorrente per realizzare le dosi per lo spaccio: bilancino di precisione, forbici, coltellino, materiale di confezionamento in parte già ritagliato “ad hoc”, i telefoni cellulari cd. “dedicati” e circa 100 euro in banconote di vario taglio.
Oltre alle due clienti ora segnalate quali assuntrici.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*