Veneto

L’incidente più assurdo/Apre la portiera e fa cadere un ciclista morto per le conseguenze dell’incidente: l’automobilista ora va a processo

A conclusione delle indagini preliminari sul tragico e assurdo incidente costato la vita, due anni fa, a Fabrizio Maria Olivi, il Pubblico Ministero della Procura di Padova, dott.ssa Cristina Gava, ha chiesto il rinvio a giudizio per l’automobilista ritenuta esclusiva responsabile del sinistro e del decesso, M. P., una piovese di 66 anni.
Riscontrando la richiesta, il Gip del Tribunale patavino, dott. Claudio Marassi, ha fissato l’udienza preliminare del processo per il 27 aprile 2022, alle 10.20, presso il palazzo di Giustizia di via Nicolò Tommaseo.

Olivi, perito informatico di 64 anni, anch’egli di Piove di Sacco, il 7 febbraio 2020 stava pedalando in bici lungo via Conte del Panico, nella sua città, quando ha avuto la sventura di imbattersi nella manovra avventata dell’indagata, cui si imputa di aver causato la morte del ciclista “per colpa consistita in negligenza, imprudenza, imperizia e violazione delle norme sulla circolazione stradale” per citare l’atto del Pm.

La donna, come ricostruito dall’inchiesta, subito dopo aver parcheggiato la sua Toyota Yaris in un apposito stallo al civico 23 di via Conte del Panico, “per controllare la correttezza della manovra di parcheggio – prosegue il magistrato – apriva improvvisamente e repentinamente lo sportello anteriore, lato guida, in direzione della corsia di marcia, lungo la quale stava sopraggiungendo in sella alla sua bicicletta Olivi”.
Il quale, “in conseguenza di tale manovra, andava a urtare con la mano destra e la leva del freno anteriore del velocipede sullo spigolo della portiera anteriore dell’autovettura”, rovinando a terra.

A causa della brutta caduta il 64enne, persona molto attiva che non soffriva di particolari patologie, ha riportato gravi lesioni tra cui la frattura del bacino e il distacco parcellare di un dito della mano destra, per una prognosi pesante di 90 giorni. E’ stato trasportato e ricoverato fino al 19 febbraio nel reparto di Ortopedia dell’ospedale cittadino e poi dimesso per continuare le cure a casa.

Il paziente si è attenuto alle indicazioni dei sanitari, sia per la terapia farmacologia prescritta, tra cui quella antitromboembolitica, sia per la postura acquistando un letto elettrico: doveva restare a riposo assoluto in posizione supina per venti giorni, poi avrebbe potuto assumere quella seduta e dopo 40 giorni sarebbe dovuto tornare in ospedale per un esame radiografico e una visita ortopedica di controllo per poi iniziare la rieducazione.

Ma il 26 febbraio 2020, verso mezzogiorno, Olivi si è improvvisamente sentito male, non riusciva più a respirare e a nulla sono valse tutte le manovre rianimatorie dei sanitari del Suem.
La moglie della vittima, che ha lasciato anche un figlio oggi sedicenne, oltre a due fratelli e due sorelle, sconvolta dal dolore per l’improvvisa perdita, per capire cosa fosse successo al marito, si rivolse Studio3A-Valore S.p.A. che ha subito chiesto e ottenuto di bloccare il riscontro diagnostico interno ordinato dalla direzione sanitaria e già fissato per il 28 febbraio all’ospedale di Padova, chiedendo alla Procura di disporre una perizia autoptica “terza” con un proprio consulente tecnico d’ufficio.

Richiesta accolta. La dott.ssa Gava, aperto un procedimento penale per omicidio stradale a carico della automobilista, ha ordinato l’autopsia per stabilire con certezza le cause del decesso incaricando il medico legale dott. Antonello Cirnelli: alle operazioni peritali, svoltesi il 6 marzo, ha partecipato anche il dott. El Mazloum Rafi, in qualità di consulente medico legale di parte per la famiglia della vittima messo a disposizione da Studio3A.

Il dott. Cirnelli ha concluso che il signor Olivi, allettato per i postumi del recente incidente stradale (in particolare la frattura dell’emibacino sinistro), “pur essendo stato sottoposto, come dovuto, a profilassi anticoagulante”, aveva maturato “un quadro di tromboembolia polmonare improvviso, massivo e fatale” legata a una trombosi venosa profonda dell’asse iliaco femorale sinistro.
“L’operato del personale sanitario intervenuto va ritenuto corretto e tempestivo – ha concluso il Ctu – Il decesso va ascritto solo ed esclusivamente alle conseguenze del sinistro stradale”.
Escluso ogni possibile profilo di responsabilità da parte dei medici che hanno avuto in cura il ciclista, il Pm ha quindi chiesto il processo per l’automobilista, ritenuta unica responsabile della tragedia.

Attraverso Studio 3A, i familiari della vittima sono già stati risarciti dall’assicurazione della vettura e la moglie di Olivi, con una forza d’animo non comune, ha dichiarato fin dall’inizio di non nutrire risentimento verso l’automobilista comprendendo che disattenzioni simili, purtroppo, possono capitare.
Ma la vedova e il figlio confidano comunque che anche la giustizia penale faccia al più presto il suo corso, se non altro per chiudere almeno il capitolo giudiziario di una ferita che per il resto non si rimarginerà mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button