Prendi notaVenezia

Le infiltrazioni camorristiche a Bibione e dintorni/Ecco i nomi degli arrestati

Bibione come Eraclea?
L’accostamento, in riferimento alle note infiltrazioni camorristiche patite dal secondo dei due centri e che ha portato sul banco degli imputati l’ex sindaco Graziano Teso, è forse prematuro, ma certo l’inchiesta della Dia di Trieste fa correre un brivido lungo la schiena.
Anche in questo caso c’è infatti già un nome eccellente, tra i 9 raggiunti dai provvedimenti restrittivi: è quello di Giuseppe Morsanuto, 55enne attuale Presidente dell’Ascom di Bibione ed ex vice sindaco di San Michele al Tagliamento.

Di origini campane ma molto ben inseriti nei contesti locali, gli altri 8 arrestati stamani, tutti residenti nei centri del Veneto Orientale: San Michele al Tagliamento, Concordia Sagittaria, Latisana, Bibione.
Ci sono perfino padre e 2 figli: Pietro, Renato e Beniamino D’Antonio, originari di Cercola, nel napoletano.
Nella lista anche Zefferino Paisan, titolare di un’azienda agricola di Concordia S.
Gli altri sono: Gennaro e Salvatore Carraro, anche loro padre e figlio; i Biancolino Raffaele e Salvatore (quest’ultimo ancora ufficialmente residente a Napoli).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button