Home -> Spettacoli -> Le Giornate della Luce: al Festival di Spilimbergo due mostre fotografiche

Le Giornate della Luce: al Festival di Spilimbergo due mostre fotografiche

Per celebrare il ruolo degli Autori della Fotografia del cinema italiano contemporaneo, è nato cinque anni fa a Spilimbergo il festival Le Giornate della Luce, ideato dall’autrice e regista Gloria De Antoni che lo dirige con Donato Guerra.

Quest’anno la kermesse si è spostata dalle consuete date di metà giugno all’ultima decade di agosto, da venerdì 21 a sabato 29, mantenendo intatta la sua formula, tra proiezioni dei film in concorso, percorsi espositivi, incontri con autori della fotografia, registi e attori.

Se a suggellare la manifestazione è attesa nella serata di domenica 29 agosto l’assegnazione del premio Il Quarzo di Spilimbergo per la migliore fotografia di un film italiano dell’ultima stagione, l’anteprima del festival, venerdì 21 agosto, è dedicata a quella che è considerata una delle figure più autorevoli della storia del cinema italiano, Cecila Mangini.

Classe1927, fotografa pasionaria e prima donna a girare documentari nel dopoguerra in Italia, Mangini è autrice insieme a Pasolini di capolavori come “Ignoti alla città” e “La canta delle marane”.

La Cecilia Mangini regista sarà, invece, raccontata con la prima proiezione in esclusiva regionale del suo nuovo docu-film “Due scatole dimenticate – un viaggio in Vietnam”, realizzato con Paolo Pisanelli che lo presenterà con lei venerdì al cinema Miotto alle 21.00.

Tra gli allestimenti al festival, attesa anche la mostra-omaggio a Gianni Di Venanzio (inaugurazione domenica 23 a Palazzo Linzi, ore 12.00), uno dei più importanti direttori della fotografia del cinema italiano, che contribuì al successo di celebri film degli anni Cinquanta e Sessanta (come “I soliti ignoti” di Monicelli o “Salvatore Giuliano” di Rosi) scelto espressamente da Fellini per 8 ½.

Inaugurazione ufficiale del festival sabato 22 agosto alle 18.00 con la proiezione della video-intervista realizzata in esclusiva dal festival con Isabella Rossellini “La mia famiglia fotografica”, dove l’attrice racconta i suoi rapporti e quelli dei suoi familiari con la fotografia.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*