Breaking NewsTreviso

Lavoro/Controlli dei Carabinieri nella Marca su lavoro in nero e sicurezza: 5 attività sospese e 16 sanzionate, multe per 200 mila euro

Il Nucleo Ispettorato Carabinieri del Lavoro di Treviso, con la collaborazione dell’Arma Territoriale e del locale Ispettorato Territoriale del Lavoro, nei giorni scorsi ha intensificato i controlli in provincia per verificare la regolare occupazione ed il rispetto della sicurezza sui luoghi di lavoro.
L’attività ispettiva ha riguardato principalmente i settori del commercio e della ristorazione ed ha interessato 16 aziende.

Sono stati individuati 4 lavoratori impiegati in “nero” e sospese complessivamente 5 aziende per gravi inadempienze in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e lavoro nero.

In particolare, nel corso dei controlli che hanno interessato gli autolavaggi/distributori di benzina, sono state sospese due aziende a Conegliano e Godega di Sant’Urbano, sia per l’impiego di un lavoratore in nero, sia per l’omessa redazione del Documento di Valutazione dei Rischi.
Sempre a Conegliano è stata sospesa l’attività di un altro autolavaggio per non aver provveduto a nominare il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione.

Nel settore della ristorazione, è stata sospesa l’attività di due ristoranti-pizzerie situate nei comuni di Treviso e Riese Pio X, nel primo caso il datore di lavoro aveva impiegato due cittadini italiani in “nero”, mentre il secondo non aveva provveduto ad elaborare il Piano di Evacuazione ed Emergenza.
Sempre nel settore della ristorazione, è stato sanzionato un ristorante etnico a Quinto di Treviso per diverse violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, mentre un bar di Conegliano, gestito da cinesi, non aveva provveduto a formare gli addetti alle emergenze.

Nel complesso, i controlli effettuati hanno prodotto sanzioni per circa 200.000 euro.

Articoli correlati

Back to top button