Friuli Venezia Giulia

L’assessore annuncia che si vaccinerà e scatena i No vax

Nonostante abbia raccolto la solidarietà di molti dei colleghi, il Governatore fedriga in testa, il Tweet dell’Assessore regionale Tiziana Gibelli sembra destinato a non esaurirsi tanto facilmente.
Un paio di giorni fa Gibelli aveva postato su Twitter l’annuncio che il prossimo 15 maggio riceverà la prima dose del vaccino AstraZeneca.
Piano piano e con prudenza, aveva aggiunto, tornerò ad una vita normale.
Poco sotto, una considerazione che dev’essere suonata offensiva o minacciosa a chi non intende vaccinarsi contro il Covid.


Gibelli infatti aggiunge che non potranno fare altrettanto, cioè tornare alla normalità, i no vax e i contrari – dubbiosi su AstraZeneca.
E’ stato il finimondo.
Come ha poi fatto sapere la stessa Gibelli, contro di lei si sono scagliati in molti, anche con frasi piuttosto dure.
Lei ha poi risposto di aver bloccato alcune decine di persone (sul social) e di non essersi impaurita, pur parlando di “un assalto congegnato”.

“Contro gli attacchi scagliati ai danni dell’assessore Gibelli continueremo a opporre il buon esempio, consapevoli che solo con atteggiamenti responsabili e generosi usciremo tutti da questa pandemia. A lei va, oltre alla solidarietà mia e di tutta la Giunta regionale, anche il ringraziamento per aver fatto ciò che ogni rappresentante istituzionale è tenuto a fare durante il suo ruolo e nel limite delle proprie possibilità: dimostrare buon senso e farsi portavoce di un messaggio per il bene della comunità”.
Questo il commento odierno del governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, a piena difesa dell’assessore.

La polemica però non sembra placarsi, almeno non del tutto.
Tra i commenti più civili ecco: “Lei ha paventato che chi non si vaccinerà non farà vita normale. …..è una minaccia inaccettabile…” e “No guardi, lei ha detto che chi non si vaccina sarà privato dei diritti costituzionali. Non rigiri la frittata facendo la vittima, non attacca”.

Accuse alle quali Gibelli ha risposto puntualmente, asserendo che non si tratta di minacce ma di registrare quanto sta accadendo, con paesi, istituzioni e perfino compagnie aeree che pensano a limiti per coloro che non saranno vaccinati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button