Pordenone

La truffa del "resto"/Espulsi tre romeni

Nel pomeriggio di ieri martedì 14 gennaio, su disposizione del Questore della Provincia di Pordenone, dr. Marco Odorisio, tre rumeni di 25, 36 e 49 anni sono stati allontanati e accompagnati alla frontiera italo/slovena – valico di Fernetti.
Si tratta di provvedimenti convalidati dai Giudici del Tribunale di Trieste – Sezione specializzata in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione di cittadini dell’Unione Europea.

I tre erano stati scoperti nella serata di domenica, grazie ai controlli degli ospiti di hotel e pensioni.
Sui romeni gravava un recente “allert” inserito nella banca dati interforze, perchè soggetti dediti alla truffe nota come del “resto”.

Si tratta di una tecnica che vede il truffatore recarsi in pubblici esercizi ed acquistare beni del valore di 1 o 2 euro e pagare con banconote da 50 o 100.
Riescono poi ad indurre in errore l’esercente, reimpossessandosi della banconota di grosso taglio e facendosi anche consegnare il resto.

Anche nel pordenonese nei mesi scorsi si erano registraati casi di questo tipo, episodi ora al vaglio della Squadra Mobile per verificare se sono riconducibili al terzetto di rumeni.

Condotti in Questura per accertamenti, è poi emerso come fossero gravati da numerosi precedenti penali e di polizia per truffe commesse in varie regioni del Nord Italia.

Tanto da aver collezionato una lunga serie di Fogli di Via Obbligatori nei comuni di: Lucca, Castelnuovo Garfagnana (LU), Siena, Levanto (SP), Cecina (LI), Cortemilia (CN), Savona e Guidizzolo (MN).

Da qui la decisione del Questore di espellerli, con l’allontanamento immediato dal Territorio Nazionale per un periodo di 5 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button