Venezia

La Regata delle Repubbliche marinare: per la prima volta gareggeranno anche le donne

Tutto pronto per la 66esima Regata delle antiche repubbliche marinare, l’appuntamento nato sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica Italiana, che coniuga tradizione, folclore e sport, in programma ad Amalfi il prossimo 5 giugno.

Questa mattina a Ca’ Farsetti si è svolta la presentazione degli equipaggi veneziani, maschile e femminile, che a bordo del loro galeone sfideranno gli atleti delle città di Pisa, Genova e della padrona di casa, Amalfi.

Alla conferenza stampa sono intervenuti il Consigliere delegato alla Tutela delle tradizioni, la Prorettrice alla Terza Missione dell’Università Ca’ Foscari, Caterina Carpinato, il presidente del Cus Venezia, Massimo Zanotto, l’amministratore unico di Vela Piero Rosa Salva.

Quest’anno oltre alla sfida tra i galeoni delle antiche quattro Repubbliche (su un campo di gara lungo 2mila metri in linea che abbraccia il tratto di mare che va dal Capo di Vettica fino alla Marina Grande) ci sarà un’ importante novità: il Comitato generale ha approvato all’unanimità l’istituzione di una nuova gara, sempre su galeoni, con equipaggio misto – con donne e non più di quattro uomini – sulla distanza di mille metri in programma sabato 4 giugno. Un evento mai accaduto prima nella storia del Palio, che strizza l’occhio all’emisfero femminile, simbolo di forza e intraprendenza.

Per la Città di Venezia l’equipaggio sarà costituito da sole donne, atlete del team delle università veneziane – Cus Venezia e dell’università di Padova.

Una scelta significativa quella di fare gareggiare un equipaggio tutto al femminile – è stato sottolineato nel corso degli interventi – che testimonia come Venezia sia già proiettata nel futuro attraverso la sua storia e le sue tradizioni. Le vogatrici degli atenei saranno infatti protagoniste, rappresentando la città che ha dato i natali alla prima donna laureata nella storia, Elena Lucrezia Cornaro Piscopia.

Anche per questo motivo, nel corso della presentazione, è stata espressa delusione per la mancanza della diretta televisiva, garantita tradizionalmente dalla Rai, per un taglio dei costi.

La manifestazione si aprirà venerdì 3 giugno con l’evento Kiss Kiss Play Summer Live; sabato 4 giugno si svolgerà il mini Palio remiero ad equipaggio misto con partenza alle ore 17.45 nello specchio acqueo Marmorata-Atrani. A seguire la presentazione degli equipaggi in Piazza Umberto I ad Atrani e successivamente il corteo storico da Atrani al duomo di Amalfi: 320 figuranti, circa 80 per ciascuna Repubblica, che si concluderà con uno spettacolo pirotecnico.
Per Venezia aprirà la sfilata il gonfalone con il leone alato scortato da nobili, trombettieri e tamburini, rievocando l’accoglienza tributata alla regina Caterina Cornaro.

Domenica 5 giugno spazio al momento agonistico con la sfida tra i galeoni delle antiche quattro Repubbliche.
Le città si contenderanno la vittoria a bordo di galeoni ricostruiti su modelli del XII secolo.
Le imbarcazioni, realizzate sulla linea delle antiche “galere” o “feluche di rappresentanza”, sono dipinte con i colori tradizionali dei simboli delle quattro repubbliche: verde con leone per Venezia, bianco con drago per Genova, rosso con aquila per Pisa e azzurro con cavallo alato per Amalfi.

“Andiamo ad Amalfi con il coltello tra i denti”, le parole del timoniere Morosinato “Ci alleniamo da mesi, stiamo bene, l’equipaggio va forte”.

Equipaggio femminile:

TIMONIERA Letizia Nuscis Studentessa Ca’ Foscari

Dalila Anghetti Alumna Ca’ Foscari
Martina Damuzzo Alumna Ca’ Foscari
Anita Serena Studentessa Ca’ Foscari
Chiara D’Este Studentessa Ca’ Foscari
Monica Favaro Studentessa Università di Padova
Chiara Lastra Pre-iscritta IUAV
Sara De Battisti Pre-iscritta Ca’ Foscari
Vittoria Stangherlin Pre-iscritta Ca’ Foscari
Equipaggio maschile:

TIMONIERE Stefano Morosinato

Lorenzo Baldo
Pietro Cangialosi
Francesco Cardaioli
Sebastiano Carrettin
Luca Chiumento
Jacopo Colombi
Mattia Colombi
Gherardo Gamba
Giovanni Poli
Daniele Vania
Tommaso Santi
Davide Stefanile
Tommaso Vianello
Nicola Zorzetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button