Prendi nota

La Qualità degli impianti termici a legna: la prima formazione in Italia parte da Pordenone

Pordenone – Agenzia per l’energia del Friuli Venezia Giulia – con il patrocinio del comune di Pordenone e in collaborazione con gli Ordini degli Ingegneri e degli Architetti di Pordenone, nell’ambito del progetto europeo Interreg Central Europe ENTRAIN, organizza martedì 22 marzo 2022 un seminario dal titolo “QM Sistema Qualità Impianti termici a legna – Calore dalle biomasse legnose e transizione energetica: opportunità per i progettisti”, che tratterà delle opportunità per i progettisti derivanti dal calore delle biomasse legnose e dalla transizione energetica.

Nonostante il tema sia di settore e molto tecnico, il convegno riguarda la fase conclusiva di un progetto europeo finalizzato alla riduzione delle emissioni nocive a carico di sistemi di riscaldamento a legna, quindi di grande interesse nel contesto di trasformazioni energetiche e di riqualificazione messe in opera dal comune di Pordenone.

«Una delle principali fonti di inquinamento atmosferico nelle città – sottolinea l’assessore all’Urbanistica del comune di Pordenone Cristina Amirante – dipende dalla cattiva combustione del legno o del pellet nelle stufe a servizio delle residenze.
Si tratta infatti di sistemi che spesso bruciano il legno a basse temperature determinando l’emissione di particolato (le famigerate PM10) molto inquinante e pericoloso per la salute umana.

Esistono invece degli impianti di riscaldamento che bruciano biomasse legnose in grado di ridurre al minimo le emissioni nocive, impianti certificati che consentono di utilizzare un materiale naturale che si può ricavare dai boschi locali, a km zero, senza impatti negativi sull’ambiente».

Il progetto CE Entrain, che vede a Pordenone la sua fase conclusiva, propone a tecnici ed Amministratori un nuovo punto di vista: creare una filiera virtuosa di produzione di biomassa legnosa mediante la cura e la manutenzione dei boschi della pedemontana, per utilizzarla come combustibile in piccole centrali di teleriscaldamento a servizio di edifici pubblici e privati, sulle orme degli esempi positivi di Svizzera, Austria e Nord Europa.

Durante i tre anni di progetto, iniziato ad aprile 2019, APE FVG in veste di partner del consorzio internazionale ha acquisito una profonda conoscenza sulla pianificazione, realizzazione e ottimizzazione delle centrali di teleriscaldamento a biomassa legnosa, grazie anche alla formazione gestita dall’Agenzia per l’energia della Stiria e dall’Istituto per tecnologie sostenibili AEE Intec.

All’interno del progetto, APE FVG si è concentrata sul trasferimento in Italia del sistema QM, una procedura di gestione della qualità che supporta e fissa i criteri delle reti di teleriscaldamento alimentate a biomassa.
Questo sistema garantisce un funzionamento efficiente dal punto di vista energetico, ecologico ed economico dell’intero impianto, evitando sovradimensionamenti e altri errori commessi in passato anche nella nostra regione.

In un momento critico come quello che stiamo vivendo, in cui la nostra dipendenza da fonti fossili estere incide pesantemente sui costi energetici, è fondamentale puntare su risorse locali e rinnovabili per ridurre le emissioni climalteranti e garantire l’autosufficienza con benefici socio-economici per i nostri territori.

L’incontro formativo si terrà dalle 8:45 alle 13:00 nell’auditorium del Centro Culturale Casa Zanussi in Via Concordia 7, Pordenone.
La partecipazione è gratuita; sono riconosciuti 3 CFP per architetti e ingegneri. Per partecipare è necessaria l’iscrizione:
Iscrizioni architetti: iM@teria
Iscrizioni ingegneri: www.isiformazione.it
Iscrizioni per altre categorie al link: https://forms.gle/CzXLRXqRPoTTNABA9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button