Treviso

La Movida trevigiana/Per la Polizia tutto ok

Nelle ultime settimane è stata argomento sulla bocca di tutti, tra quelli che la vedevano come pericolosa possibilità di contagio e coloro che la invocavano, stufi del lockdown.

Dopo alcuni week end discutibili, l’ultimo sembra aver messo le cose a posto.
Lo riferisce la Questura di Treviso che nel fine settimana appena trascorso, anche con la collaborazione della Polizia locale, ha controllato un centinaio di persone sia in centro che lungo le mura.
parere finale positivo: grazie anche all’impegno dei gestori dei locali, le distanze sembrano essere state rispettate.

Con il lento ma costante ritorno alla normalità e alla libera circolazione, tornano ad essere presenti i problemi di sempre.

Due i denunciati per droga negli ultimi giorni.
Si tratta di un 25enne della provincia di Treviso pizzicato con 18 gr. di marijuana, un coltello a serramanico e oltre 400 euro che la Polizia ipotizza frutto di spaccio.
L’altro invece è un 24enne nigeriano ufficialmente residente a Quinto di Treviso che, alla vista degli agenti, ha ingerito un ovulo di droga evidentemnete destinata alla vendita.
Quasi 14 grammi di cocaina che per sua fortuna non gli sono andati a spasso per lo stomaco, anche se è stato necessario portarlo all’ospedale perchè accusava un malessere legato all’ingestione.
Trattato a lassativi, il giovane ha purgato lo stupefacente ed è stato poi arrestato.
Per lui il giudice ha già disposto che non lasci il Comune di Treviso.

Nella cronaca più spiccia degli ultimi giorni anche una rissa tra 5 stranieri e un tentativo di suicidio sventato.
Quest’ultimo opera di un personaggio noto per problemi psichiatrici.
L’uomo aveva aperto il gas della cucina del suo appartamento e se non fossero intervenuti gli agenti, probabilmente saremmo qui a raccontare una storia ben più grave.

La rissa, avvenuta in Via Ellero a Treviso, ha invece visto protagonisti 5 kosovari che le stavano dando di santa ragione, anche visibilmente ubriachi, forse per questioni di denaro.
E’ successo sabato sera e le pattuglie della Questura hanno interrotto la zuffa che contemplava anche chiavi inglesi e pietre, prima che i danni fossero irreparabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button