Veneto

La frode dei carburanti/Arresti e sequestri per 95 milioni di euro

Maxi operazione antifrode della Guardia di Finanza di Padova che stamani, su disposizione della Procura patavina, ha messo in campo oltre militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e di altri Reparti delle Fiamme Gialle per eseguire 20 perquisizioni nelle province di Padova, Milano, Lodi, Verona, Roma, Terni, Napoli e Caserta, oltre a 4 provvedimenti di custodia cautelare nei confronti di altrettante persone considerate a capo di una associazione per delinquere dedita alle frodi fiscali nella commercializzazione di
carburante per autotrazione.

Nel mirino delle Fiamme Gialle sono finiti due imprenditori padovani operanti nel veronese e due soggetti attivi nell’hinterland di Napoli, oltre ad altri 12 soggetti a vario titolo coinvolti nella frode.

Attraverso la gestione di 13 imprese “filtro” e “cartiere” sparse in vari stati dell’Unione Europea e in Italia, formalmente intestate a “prestanome”, in 3 anni l’organizzazione avrebbe venduto, a circa un centinaio di clienti nazionali (tra depositi commerciali e distributori), 410 milioni di litri di carburante senza pagarci l’IVA.

Frode per la quale il G.I.P. del Tribunale di Padova ha emesso anche un provvedimento di sequestro di beni mobili e immobili per quasi 95 milioni e mezzo di euro, mentre il giro d’affari complessivo ammonterebbe a qualcosa come 430 milioni di euro.

Secondo le indagini, il carburante proveniva dalla Slovenia e veniva poi venduto, tramite numerosi passaggi cartolari di fatture soggettivamente inesistenti, a centinaia di clienti (depositi commerciali e pompe di benzina) ubicati principalmente in Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio,
Abruzzo e Campania.

Sempre dalla mattina sono in corso le operazioni di sequestro preventivo di decine di autobotti cariche di carburante e di un deposito di prodotti petroliferi in provincia di Verona, oltre a immobili e disponibilità su rapporti bancari fino alla concorrenza di 95 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button