Veneto

La crisi ucraina/In Veneto reperiti già 8 mila posti letto e raccolti 400 mila euro.

Punto stampa, stavolta da Palazzo Balbi, oggi, martedì 15, per il Governatore veneto.
Luca Zaia si è soffermato a lungo sulla crisi dei profughi scatenata dalla guerra in Ucraina.
Il Presidente è arrivato a chiedere l’aiuto dell’esercito, così come ha già fatto il collega friulano Fedriga nei giorni scorsi.


I numeri.
La raccolta fondi avviata dalla Regione ha superato ormai i 400 mila euro raccolti.
La generosità veneta si contabilizza anche negli 8.100 posti letto messi a disposizione degli ucraini da privati cittadini (circa 4 mila).


Alcuni dei profughi in fuga dalla guerra necessitano di cure ospedaliere: ci sono 12 bambini, nei nosocomi della regione, buona parte di loro sono oncologici.
Altri 7 sono invece adulti con varie problematiche.
C’è anche il problema di individuare e poi “tamponare” per il covid i profughi in arrivo, onde evitare spiacevoli sorprese.
Nell’ottica dell’accoglienza, la Regione ha optato per due riaperture di strutture chiuse: gli ospedali di Monselice ed Asiago che saranno riattivati in questi giorni, offrendo un migliaio di posti letto in tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button