Home -> Treviso -> La Castelmonte di Montebelluna si aggiudica la gestione ospedale di Auronzo

La Castelmonte di Montebelluna si aggiudica la gestione ospedale di Auronzo

In esito alla gara europea mediante procedura aperta avviata dall’Ulss Dolomiti a gennaio 2020, la gestione del Punto di Primo Intervento dell’ospedale di Auronzo è stata affidata alla Cooperativa Castel Monte SCS Onlus di Montebelluna (TV).
Il servizio è stato affidato inizialmente per un periodo di prova di sei mesi.
Superato il periodo di prova, l’appalto avrà durata di 5 anni per un importo di circa 987 mila euro all’anno.

La procedura di gara per l’affidamento esternalizzato del servizio di gestione del Punto di Primo Intervento dell’ospedale di Auronzo era diventata, lo scorso gennaio, la scelta obbligata per presidiare con la dovuta attenzione il territorio, assicurare i livelli essenziali di assistenza ed evitare il rischio di interruzione di pubblico servizio.

Come noto, infatti, l’Azienda ULSS, da anni, riscontra notevoli difficoltà ad assumere dirigenti medici nella disciplina di medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza nei Punti di Primo Intervento e alle attività dell’Emergenza sanitaria territoriale.
Prima di arrivare ad avviare la procedura di gara erano state esperite molteplici vie di reperimento delle risorse umane necessarie, quali:

  • l’acquisizione di prestazioni aggiuntive dai dirigenti medici in servizio;
  • la stipula di convenzioni con altre Aziende Sanitarie;
  • la stipula di contratti di lavoro autonomo.

L’Azienda, quindi, come autorizzato dalla Regione del Veneto, aveva bandito una gara per l’esternalizzazione del servizio inserendo delle clausole migliorative.
Nel Capitolato di gara, infatti, oltre alla richiesta di personale medico, infermieristico e autisti conforme alla situazione attuale.

All’avvio dell’esternalizzazione, il personale infermieristico e gli autisti alle dipendenze dell’Azienda ULSS verranno impiegati per assicurare il servizio di un’ambulanza per i trasporti secondari posizionata ad Auronzo, accogliendo le istanze del territorio, che effettuerà servizi sanitari di trasporto assistito non urgente.

Inoltre, nei periodi di maggior afflusso turistico invernale ed estivo, verrà richiesta l’attivazione all’appaltatore di una seconda ambulanza da dedicare al servizio di emergenza urgenza 118, venendo così incontro alle esigenze manifestate dai rappresentanti del territorio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*