Veneto

La banda dei bancomat/Arrestati in Veneto andranno a processo in Belgio

La Corte d’Appello di Venezia ha autorizzato l’estradizione di tre persone arrestate dai carabinieri di Treviso e Padova, nel contesto di un’indagine su colpi ai Bancomat con le famose marmotte esplosive.
Furti notturni che in Veneto hanno fruttato alla banda un bottino di 600 mila euro.

Ma almeno tre di loro avrebbero messo a frutto la delinquenziale esperienza anche all’estero: in Belgio, tanto che la Magistratura di Charleroi contesta loro una serie di colpi simili a quelli italiani, messi a segno contro banche della regione di Hainaut tra marzo e settembre dello scorso anno.

Si tratta di Mario l’egiziano, all’anagrafe Major Radames, già noto per trascorsi criminali contigui alla mala del Brenta e di Maurizio Brusadin e Gjarvjs Major.
Tutti e tre colpiti da mandato di cattura europeo.

I tre erano finiti dietro le sbarre il 24 settembre dell’anno scorso, insieme ai complici.
Undici persone in tutto, alcune catturate proprio in Belgio, grazie alla collaborazione tra le forze dell’ordine italiane e la Polizia Federale belga.

Dei sette indagati italiani, cinque furono perciò colpiti dal mandato d’arresto europeo.
Stamani, Radames, Brusadin e Major sono stati consegnati alla Polizia Federale belga che li ha presi in consegna all’aeroporto di Milano Malpensa.

Seguiranno lo stesso destino Jody Major e Johnny Major, ma solo dopo il primo grado di giudizio qui in Italia.

La consegna dei 3 alla polizia belga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button