Venezia

Jesolo/Ruba nelle villette chiuse ma una webcam lo incastra

Ha tentato di rubare in una villetta ma non poteva immaginare che qualcuno lo stesse osservando da lontano attraverso una telecamera.
E’ successo la scorsa notte intorno all’una e trenta, a Jesolo.
Un operatore di un istituto di vigilanza ha chiamato il 113 per segnalare un tentativo di intrusione in una villetta di zona Pineta: l’uomo riusciva a vederlo da remoto dalla propria postazione grazie ad un sistema di videosorveglianza.

Quando sono arrivati sulposto gli agenti di una Volante però, del soggetto non c’era più traccia e così hanno provato a cercarlo nei ditorni.
Bingo!
Un soggetto che corrispondeva perfettamente alla descrizione fornita si trovava in una via vicina e portava sotto braccio un grosso piano cottura.
Anzi, quando ha visto i poliziotti ha lanciato loro contro le griglie del piano cottura, colpendo un agente alla mano.

Poi, abbandonato l’ingombrante bottino, si è dato ad una rocambolesca fuga, saltando le recinzioni delle abitazioni vicine, nel tentativo di far perdere le proprie tracce.
Nulla da fare: gli agenti hanno recuperato sia lui che un grosso cacciavite di cui aveva cercato di disfarsi.

Il ladro è poi risultato essere B.A.M., 30enne tunisino in Italia senza fissa dimora, con precedenti per reati contro il patrimonio.
E’ stato arrestato per tentato furto in abitazione.
Sarà processato il prossimo 25 novembre; per ora non potrà tornare nel Comune di Jesolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button