Venezia

Jesolo: arrestato il rapinatore che la notte di Capodanno aggredì una turista

Ieri sera la Polizia ha stretto le manette ai polsi del 33enne tunisino J.M., che gli uomini del Commissariato jesolano reputano essere l’autore della tentata rapina con aggressione ai danni di una donna di Conegliano che trascorreva le vacanze natalizie in un albergo del Lido di Jesolo.

Episodio avvenuto in Via Bafile lo scorso 1 gennaio, alle 03:15, quando la signora e il suo accompagnatore erano stati sorpresi alle spalle da uno uomo che, nel tentativo di impossessarsi della borsa della donna, strattonò la signora facendola cadere a terra, per poi fuggire prima dell’intervento della polizia.

La coneglianese riportò delle lesioni al ginocchio e alla mano guaribili in 10 giorni.

Il malvivente era sfuggito anche alle telecamere ma non a due testimoni che hanno contribuito ad identificarlo.

Con la collaborazione della Questura di Treviso e del Commissariato di Conegliano, alla fine gli uomini della Polizia jesolana sono riusciti ad individuare il presunto autore della tentata rapina, un tunisino già noto alle forze dell’ordine.

E’ poi emerso che l’uomo, già arrestato e condannato per reati inerenti gli stupefacenti e il patrimonio, si è anche reso autore di un tentato omicidio nel 2014 quando, insieme ad un complice, colpì con un coltello un connazionale, procurandogli ferite al collo e all’addome e lasciandolo poi in fin di vita.

Ieri sera l’arresto, a Mestre, nei pressi della stazione ferroviaria.
Ora il tunisino è nel carcere di Santa Maria Maggiore in attesa di processo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button