Venezia

Infiltrazioni mafiose in Veneto: stamani eseguite 33 ordinanze di custodia cautelare

Operazione contro le infiltrazioni mafiose in Veneto, stamani, dai Carabinieri dei Ros.

I militari stanno eseguendo 33 ordini di custodia cautelare emessi dal Gip di Venezia su richiesta della Dda veneta, nei riguardi di altrettanti soggetti sospettati di collegamenti o di far parte della n’drangheta.
Il blitz tocca anche altre regioni, oltre al Veneto: Lombardia, Emilia Romagna e Calabria.

I carabinieri stanno contestualmente eseguendo sequestri di beni per più di 3 milioni di euro.

Pesanti le accuse rivolte ai 33: si va dall’associazione di stampo mafioso all’usura, dal riciclaggio alla rapina, dal traffico di droga alla turbativa negli appalti.
In tutto sono in corso un centinaio di perquisizioni legate anche ad altrettante informazioni di garanzia.

In mattinata si è tenuta la conferenza stampa del Procuratore della Repubblica di Venezia Bruno Cherchi, presente anche il Comandante dei Ros Generale di Divisione Pasquale Angelosanto.

Come ha spiegato il Magistrato, l’organizzazione criminale debellata stamani sarebbe riconducibile alle famiglie ndranghetiste della Piana di Gioia Tauro.
Un’infiltrazione, quella mafiosa, che ha radici lontane e che sarebbe iniziata dalla veronese Sommacampagna già quasi 40 anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button