Pordenone

In tanti per l’ultimo saluto a Thomas

C’era davvero tanta gente, oggi pomeriggio nel Duomo di Sacile, per l’ultimo saluto al 29enne Thomas Romanzin, il giovane stroncato da un malore improvviso sabato scorso.

Tanti i giovani presenti, molti coloro che in chiesa hanno seguito la funzione in piedi, a lato delle panche.

Tutti probabilmente accomunati da un sentimento che nell’omelia Don Gianluigi Papa è stata resa perfettamente: lacrime per una vita interrotta troppo presto e dunque in bilico, indecise se essere lacrime di dolore o di rabbia.

Thomas, da tutti ricordato come un animo gentile, un ragazzo comprensivo, aperto agli altri: per lui i genitori Arianna e Roberto hanno scelto rose bianche.

Si era dimostrato forte Kevin, il fratello più giovane di Thomas che però durante la messa è stato forse sopraffatto dall’emozione ed ha lasciato la chiesa anzitempo, attendendo lo sfortunato fratello fuori dalla stessa.

Come desiderio del ragazzo, al rito funebre seguirà la cremazione.

commenti

  1. Si, tesoro. Eravamo in tanti in Chiesa, nonostante le diverse credenze, perché tu eri talmente speciale e così tanto amato da mettere insieme tante persone diverse…. R.I.P adorato amico, fratello e zio per i miei figli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button