Spettacoli

In arrivo a Treviso due importanti mostre dedicate al design

Al via due nuove esposizioni nella città di Treviso:
da sabato 24 Ottobre: “Bruno Morassutti. Architettura industrializzata e design” al Museo Bailo (Treviso)

La mostra intende omaggiare il maestro, a 100 anni dalla sua nascita.
Lungo il percorso espositivo verrà presentata la figura di Bruno Morassutti, ripercorsa attraverso gli anni della formazione e il soggiorno presso la scuola di Taliesin di F.L. Wright, l’esperienza post universitaria da cui scaturisce la cura del dettaglio progettuale e della scelta dei materiali costruttivi.

Ed ancora l’inizio dell’attività professionale nel contesto culturale della Milano del secondo dopoguerra. Verranno presentati 7 edifici con focus sul sistema di facciata dei serramenti, filo conduttore di un esperienza progettuale riproposta e perfezionata nel tempo e maturata attraverso il contatto diretto tra il designer (architetto) e il costruttore (artigiano).

Bruno Morassutti è un architetto veneto che ha vissuto e lavorato a Milano. La sua attività e le sue opere si riflettono bene in questo enunciato se si aggiunge che il suo contributo all’architettura italiana è fortemente segnato dall’incontro con Frank Lloyd Wright e l’architettura americana della fine degli anni quaranta.

Apertura al pubblico da sabato 24 ottobre a domenica 22 novembre con orario 10-18. Lunedì giorno di chiusura. Ingresso alla mostra 3 euro a persona.

da sabato 31 Ottobre: “Parole di Luce. Segni Versi e Visioni” a cura di Paola Bellin e Luciano Setten al Museo di Casa Robegan (Treviso)

Apertura al pubblico da sabato 31 ottobre a domenica 29 novembre.
Orario: martedì, mercoledì e giovedì 15.30-18.00. Venerdì, sabato e domenica 10.00-12.30; 15.30-18.00. Chiuso il lunedì. Ingresso gratuito. Per visite guidate scrivere a info@edesignfestival.it

La mostra/performance accoglie opere e versi di Laura Ambrosi, Marco Nereo Rotelli, Barbara Uccelli.

Nelle tre sale del Museo Casa Robegan, e nello spazio esterno del giardino, verranno esposte opere dove la parola, il segno e la luce diventano protagonisti di un progetto di poesia come opera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button