Pordenone

Importante commessa da 14 milioni per Cimolai Spa che realizzerà un nuovo ponte a Nantes

Cimolai Spa si è aggiudicata i lavori per la progettazione esecutiva e la costruzione dell’impalcato metallico del nuovo Ponte Anne de Bretagne sul fiume Loira a Nantes, in pieno centro città.

L’opera rientra nel progetto che prevede la costruzione di un “ponte piazza”, dotato di giardino e belvedere, che sarà funzionale sia per la mobilità tradizionale, sia per quella alternativa all’uso della vettura.

Il progetto è stato assegnato al Raggruppamento Temporaneo di Imprese e Progettisti composto dai player internazionali: Gtm Ouest, Dodin Campenon Bernard, Cimolai Spa, Dietmar Feichtinger Architectes, Paume, Sce e Schlaich Bergertmann Partner.
Affiancandosi ed integrandosi con quello esistente, il nuovo impalcato metallico avrà una lunghezza di circa 140 metri ed una larghezza fino a 40 metri, per un peso complessivo di circa 2.150 tonnellate di acciaio verniciato.

Cimolai Spa costruirà l’intero impalcato presso lo stabilimento di San Giorgio di Nogaro, dotato di banchina, per poi trasportarlo a Nantes e posarlo direttamente in opera.
Le operazioni di carico per il trasporto marittimo inizieranno ad agosto 2025 e la posa in opera verrà eseguito dopo circa un mese di navigazione.

Per la realizzazione della commessa, del valore complessivo di 14 milioni di euro, Cimolai Spa prevede la partecipazione di 30 persone tra ingegneri, tecnici e operai specializzati.

Nonostante la congiuntura internazionale sfavorevole e le difficoltà legate ai rincari energetici, Cimolai Spa conferma il proprio ruolo di primo piano anche nel mercato francofono.
L’azienda di proprietà dell’Ing. Luigi Cimolai si è aggiudicata di recente il lotto 2 della Linea 17 della Metropolitana di Parigi, ed è impegnata fra l’altro nella realizzazione delle facciate della stazione di Mons, in Belgio, disegnata dall’architetto Santiago Calatrava, e dell’edificio principale del nuovo quartiere Mareterra nel Principato di Monaco, disegnato dagli architetti Renzo Piano, Denis Valode e Michel Desvigne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button