Treviso

Il trevigiano “Io credo” premiato come miglior documentario al festival Cinecì

Arriva da Napoli una nuova, importante conferma della qualità del cinema trevigiano.
Si è infatti svolta venerdì 24 giugno, presso il cortile del Palazzo Comunale di Palma Campania (NA), la cerimonia di premiazione dei cortometraggi selezionati per il premio “CineCì – CortiCulturalClassic 2022” a cura dell’Associazione Napoli Cultural Classic e dell’assessorato alla Cultura del Comune di Palma Campania.
A conquistare il Premio Speciale per il miglior Documentario è stata l’opera “Io Credo”, prodotta dalla trevigiana Zeta Group.

Un progetto firmato dalla regista russa – ma trevigiana d’adozione – Lena che, partendo dall’idea di un film dedicato alle leggende del Veneto, ha dato vita ad una storia fatta di ricordi, aneddoti e racconti.
«Dopo i riconoscimenti nazionali ed internazionali ottenuti da “Tintoretto”, “Il tempo e i giorni” e “Sulle ali della Camera” – commenta Massimo Belluzzo, socio fondatore di Zeta Group – ora un’altra nostra produzione guadagna il titolo più ambito in un concorso cinematografico di assoluto spessore.
Questo ci rende molto orgogliosi, soprattutto perché portiamo il nome di Treviso nel mondo».

Il cortometraggio, girato tra Chioggia, Burano, Valdobbiadene e varie località della pianura trevigiana, mette in scena le storie di pescatori, montanari, merlettai, contadini; persone che fanno il loro lavoro giorno e notte, spesso anche rischiando la vita ma continuando a credere in ciò che stanno facendo e, soprattutto, credendo in loro stessi.

Un sentimento che la regista condivide con i protagonisti del suo cortometraggio: «Fare cinema è una scelta – ha sottolineato Lena ritirando il premio – spesso una scelta vitale perché chi inizia questo mestiere vive, respira facendo cinema.
E il cinema non si fa da soli ma è un lavoro corale: 2, 3 5 o cento persone, non importa, il cinema si fa in gruppo, per questo devo ringraziare tutti i miei collaboratori, in particolare Lorenzo Mariotti, direttore della fotografia; Gabriele Rossi, il compositore della colonna sonora che accompagna il corto; Treviso Film Commission che è partner del progetto; Zeta Group di Treviso, produttore associato; e infine la CCIAA di Treviso e Belluno e OGD Città d’arte e Ville Venete del Territorio Trevigiano che hanno sostenuto il progetto».

E presto la produzione potrebbe trovarsi in volo per gli Stati Uniti: è notizia di queste ore, infatti, che il cortometraggio “Io Credo” ha conquistato anche l’accesso alla fase finale di “Los Angeles Italia – Film, Fashion and Art Festival”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button